“Reverse charge”: si applica in caso di interventi su Piscine sia interne che esterne?

“Reverse charge”: si applica in caso di interventi su Piscine sia interne che esterne?

Il testo del quesito:

Alla luce della Circolare n. 14/E del 2015 dell’Agenzia delle Entrate che, a pag. 10, prevede che vadano esclusi dal meccanismo del reverse charge gli interventi su piscine comunali (utilizzate in ambito commerciale) salvo che queste non costituiscano parte integrante dell’edificio e considerando che le nostre piscine sono sia esterne che interne, ma, a nostro avviso, sempre funzionalmente parte dell’edificio, siamo a chiederci se in casi del genere debba applicarsi il ‘reverse charge’.

La risposta dei ns. esperti.

La citata Circolare n. 14/E del 2015, richiamata poi dalla successiva Circolare n. 37/E del

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Cassazione: sono utilizzabili i questionari inviati dalle Entrate se non presentati perché in possesso dell’Inps

Nella Sentenza n. 22946 del 29 ottobre 2014 la Corte di Cassazione ha rigettato il ricorso proposto dall’Agenzia delle Entrate,

Controversie su prestazioni del Servizio sanitario: rientrano nella giurisdizione ordinaria

Nella Sentenza n. 16067 del 2 agosto 2016 della Corte di Cassazione, 2 eredi di un familiare deceduto avevano convenuto

Incarichi dirigenziali: Decreti di nomina esulano dalla giurisdizione del Giudice amministrativo

Nella Sentenza n. 2728 del 21 giugno 2016 del Consiglio di Stato, i Giudici affermano che il Decreto di nomina