“Reverse charge”: si applica in caso di interventi su Piscine sia interne che esterne?

“Reverse charge”: si applica in caso di interventi su Piscine sia interne che esterne?

Il testo del quesito:

Alla luce della Circolare n. 14/E del 2015 dell’Agenzia delle Entrate che, a pag. 10, prevede che vadano esclusi dal meccanismo del reverse charge gli interventi su piscine comunali (utilizzate in ambito commerciale) salvo che queste non costituiscano parte integrante dell’edificio e considerando che le nostre piscine sono sia esterne che interne, ma, a nostro avviso, sempre funzionalmente parte dell’edificio, siamo a chiederci se in casi del genere debba applicarsi il ‘reverse charge’.

La risposta dei ns. esperti.

La citata Circolare n. 14/E del 2015, richiamata poi dalla successiva Circolare n. 37/E del

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Redditi Enc e Irap 2020: prorogato al 10 dicembre 2020 il termine per pagamento secondo acconto e invio telematico delle dichiarazioni

L’Ufficio Stampa del Ministero dell’Economia e delle Finanze ha diffuso il Comunicato n. 269 del 27 novembre 2020, rendendo noto

Affidamento “Servizio igiene urbana”: iscrizione all’Albo dei Gestori ambientali non è cedibile con lo schema del contratto di avvalimento

Nella Sentenza n. 5070 del 6 novembre 2015 del Consiglio di Stato, i Giudici precisano che l’iscrizione all’Albo nazionale dei

Partecipazioni pubbliche: slitta al 7 giugno 2019 il termine per l’invio di Provvedimenti di “revisione periodica” e dati su rappresentanti P.A.

Scatta una nuova proroga della rilevazione, mediante l’applicativo “Partecipazioni” del Portale Tesoro, dei dati relativi alla “revisione periodica delle partecipazioni