Revisione classamento catastale: la motivazione dell’atto deve specificare a quale presupposto la modifica debba essere associata

Revisione classamento catastale: la motivazione dell’atto deve specificare a quale presupposto la modifica debba essere associata

Nella Sentenza n. 3107 del 1° febbraio 2019 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità chiariscono che, in tema di estimo catastale, la motivazione del provvedimento di riclassamento di un immobile, già munito di rendita catastale, deve esplicitare se il nuovo classamento sia adottato, ai sensi dell’art. 1, comma 336 della Legge n. 311/2004, in ragione di trasformazioni edilizie subite dall’unità immobiliare, recando, in tal caso, l’analitica indicazione di esse; oppure se questo sia stato adottato, ai sensi del medesimo art. 1, comma 335, nell’ambito di una revisione dei parametri catastali della microzona in cui l’immobile è situato, giustificata dal significativo scostamento del rapporto tra valore di mercato e valore catastale di questa rispetto all’analogo rapporto nell’insieme delle microzone comunali, recando allora la specifica menzione dei suddetti rapporti e del relativo scostamento. Oppure, ancora, se l’atto sia stato emesso ai sensi dell’art. 3, comma 58 della Legge n. 662/1996 (conseguente alla richiesta del Comune, formulata all’Agenzia del territorio, di verifica del classamento in essere), in ragione della constatata manifesta incongruenza tra il precedente classamento dell’unità immobiliare e quello di fabbricati similari aventi caratteristiche analoghe, indicando la specifica individuazione di tali fabbricati, del loro classamento e delle caratteristiche analoghe, che li renderebbero similari all’unità immobiliare oggetto di riclassamento. Inoltre, la Suprema Corte precisa che in tema di revisione del classamento catastale di immobili urbani, la motivazione dell’atto, in conformità all’art. 3, comma 58, della Legge n. 662/1996, non può limitarsi a contenere l’indicazione della consistenza, della categoria e della classe attribuita dall’Agenzia del territorio, bensì deve specificare, a pena di nullità, ai sensi dell’art. 7, comma 1, della Legge n. 212/2000, a quale presupposto la modifica debba essere associata, se al non aggiornamento del classamento o, invece, alla palese incongruità rispetto a fabbricati similari, ed, in questa seconda ipotesi, l’atto impositivo dovrà indicare la specifica individuazione di tali fabbricati, del loro classamento e delle caratteristiche analoghe che li renderebbero similari all’unità immobiliare oggetto di riclassamento, consentendo in tal modo al contribuente il pieno esercizio del diritto di difesa nella successiva fase contenziosa conseguente alla richiesta di verifica dell’effettiva correttezza della riclassificazione.


Related Articles

Spesa di personale: la disciplina dei contratti flessibili nei Comuni facenti parti di Unioni

Nella Delibera n. 314 del 10 novembre 2016 della Corte dei conti Lombardia, i Sindaci dei Comuni facenti parte di

Spesa di personale: rispetto del principio di invarianza della spesa negli Enti di nuova istituzione

Nella Delibera n. 24 del 1° marzo 2018 della Corte dei conti Piemonte, un Sindaco chiede un parere riguardante l’istituzione

“Fondo di solidarietà comunale”: rettificati per 212 Comuni gli importi relativi alla riduzione ex Ages 2016

Con il Comunicato 1° giugno 2016, il Ministero dell’Interno – Direzione centrale della Finanza locale, ha pubblicato un prospetto con

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.