Revisione periodica delle partecipate: pubblicate le “Linee-guida” sul portale del Mef

Revisione periodica delle partecipate: pubblicate le “Linee-guida” sul portale del Mef

Entro il prossimo 31 dicembre 2018, tutte le Pubbliche Amministrazioni, come definite dall’art. 2, comma 1, del Dlgs. n. 175/2016 (Tusp), sono tenute ad effettuare la revisione periodica delle proprie partecipate dirette e indirette, detenute al 31.12.2017.

Secondo quanto previsto dall’Avviso del 23.11.18, pubblicato sul Portale del Tesoro, la rilevazione dovrà avvenire in ottemperanza a quanto disposto dall’art. 20 del Tusp, e secondo gli schemi-tipo contenuti nelle “Linee-guida” pubblicate nella home dei Servizi online del Portale Tesoro da parte della Struttura di monitoraggio delle partecipazioni pubbliche.

Detto adempimento previsto dal Tusp si integra con la rilevazione annuale delle partecipazioni e dei rappresentanti, condotta dal Dipartimento del Tesoro, ai sensi dell’art. 17 del Dl. n. 90/2014; tanto che le informazioni raccolte dal Tesoro saranno utilizzate anche dalla Corte dei conti per le proprie attività istituzionali di referto e di controllo.

In proposito, ricordiamo che le P.A. erano tenute a comunicare, entro lo scorso 7 dicembre 2018, lo stato dell’arte delle procedure di alienazione o recesso, deliberate in sede di revisione straordinaria delle partecipate ex art. 24 del Dlgs. n. 175/16, sempre per il tramite dell’applicativo “Partecipazioni” sul Portale del Tesoro.

Le suddette “Linee-guida”, nel definire il perimetro soggettivo degli Enti tenuti ad effettuare la rilevazione, chiariscono che i Consorzi tra Comuni che non rivestono forma societaria rientrano nel perimetro soggettivo del Tusp e, pertanto, sono tenuti ad adottare i “Piani di razionalizzazione periodica delle partecipazioni da essi detenute”, in quanto P.A., mentre non sono oggetto di razionalizzazione le partecipazioni degli Enti comunali in detti Consorzi.

In particolare, la rilevazione comporta:

– la comunicazione in formato elaborabile delle informazioni relative a ciascuna partecipazione e alla Società partecipata, richieste dalla Struttura Mef per rappresentare, in maniera standardizzata ed omogenea, l’analisi effettuata e le misure di razionalizzazione eventualmente adottate;

– l’invio telematico del Provvedimento adottato, da effettuarsi anche nel caso in cui l’Amministrazione non detenga partecipazioni in Società ricadenti nel perimetro oggettivo del Tusp, comprensivo di eventuali allegati;

– la validazione della trasmissione dei dati e del Provvedimento.

A seguito della validazione, l’Amministrazione riceverà un messaggio di posta elettronica di notifica dell’avvenuta trasmissione, con l’indicazione del numero di Protocollo assegnato dal Dipartimento del Tesoro al Provvedimento caricato nell’applicativo. Solo da questo momento la P.A. sarà considerata adempiente agli obblighi di comunicazione.

Tutti i Provvedimenti di cui all’art. 20 del Tusp dovranno essere comunicati anche alla Sezione competente della Corte dei conti.

Poiché la rilevazione ex art. 20 del Tusp si integra con quella stabilita dall’art. 17 del Dl. n. 90/2014 per la rilevazione annuale delle partecipazioni e dei rappresentanti condotta dal Dipartimento del Tesoro e condivisa con la Corte dei conti, la comunicazione dovrà avere per oggetto:

  1. tutte le partecipazioni dirette detenute in Società ed Enti, in analogia ai precedenti censimenti annuali condotti dal Dipartimento del Tesoro;
  2. tutte le partecipazioni indirette di primo livello detenute in Società per il tramite di Società o di Organismi. Come segnalato in precedenza, non sono considerati “Organismi tramite” i soggetti che rientrano nel perimetro soggettivo del Tusp (esempio, i Consorzi ex 31 del Tuel e le Aziende speciali ex art. 114 del Tuel, le Associazioni, gli Enti pubblici economici, gli Enti pubblici non economici. Detti soggetti dovranno attivarsi autonomamente per l’effettuazione della revisione;
  3. tutte le partecipazioni indirette di livello superiore al primo detenute in Società per il tramite di società controllate o di organismi controllati dall’Amministrazione.

I dati richiesti sono contenuti nelle schede-tipo, disponibili in formato elaborabile sul Portale, come da seguenti schemi:

  • Allegato 1 – Scheda di partecipazione” per il censimento annuale;
  • Allegato 2 – Scheda Rappresentanti” per la rilevazione dei rappresentanti delle amministrazioni presso organi di governo di società ed enti partecipati e non partecipati;
  • Allegato 3 – Schema Provvedimento” per razionalizzazione periodica ex 20 del Tusp.

L’avvio della rilevazione dei dati sarà comunicato sempre mediante home dei Servizi online del Portale Tesoro.

di Federica Giglioli

 

Linee guida

Schema per il censimento annuale dei rappresentanti delle amministrazioni presso organi di governo di società e di enti partecipati e non

Schema per il censimento annuale delle partecipazioni detenute dalle amministrazioni

Schema provvedimento razionalizzazione periodica delle Partecipazioni


Related Articles

Fatturazione elettronica ed opzione invio trimestrale: il punto del Direttore dell’Agenzia delle Entrate sulle recenti novità

E’ stato pubblicato il 21 dicembre 2016 sul sito istituzionale dell’Agenzia dell’Entrate il testo dell’Audizione della Direttrice, Rossella Orlandi, presso

Imu: l’obbligo dichiarativo per gli “immobili-merce” può essere assolto anche mediante invio telematico

È stata pubblicata sul sito web istituzionale del Mef la Risoluzione 6 novembre 2020, n. 7/Df, rubricata “Richiesta di chiarimenti

Servizi pubblici locali: presupposti per la riconoscibilità del debito di un’Associazione destinataria di contributi comunali

Nella Delibera n. 26 del 22 gennaio 2016 della Corte dei conti Puglia, un Sindaco chiede se il debito tributario

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.