Revisori e relazione al rendiconto

Revisori e relazione al rendiconto

Nella Sentenza n. 592 del 3 aprile 2020 del Tar Lombardia, un Comune ha revocato l’incarico di Revisore dei conti in conseguenza del ritardo con cui lo stesso Revisore ha trasmesso la relazione sulla proposta di deliberazione consiliare di approvazione del rendiconto della gestione, a causa dell’incompletezza dei documenti. I Giudici affermano che è dovere del Revisore verificare la completezza della documentazione necessaria all’esercizio delle sue funzioni, nel termine di 20 giorni di cui all’art. 239, comma 1, lett. d), del Dlgs. n. 267/2000 (Tuel), la cui mancanza, andrà posta in evidenza nella sua relazione, potendo ciò eventualmente condurre alla formulazione di un parere negativo, che deve tuttavia necessariamente essere formulato, nel rispetto del predetto termine.  Dunque, in sostanza la mancanza di documenti non interrompe i termini dei Revisori.


Related Articles

Mancata comunicazione di un indirizzo Pec al Ministero della Giustizia: chiesto l’accertamento dell’inottemperanza di un Comune

Nella Sentenza n. 1426 dell’11 giugno 2019 del Tar Catania, i Giudici affermano che è inammissibile il ricorso ex artt.

Spesa di personale: modalità con cui effettuare la verifica del rispetto dell’art. 1, comma 557, della Legge n. 296/06

Nella Delibera n. 67 del 30 settembre 2015 della Corte dei conti Liguria, il Sindaco di un Ente sottoposto al

Relata di notificazione: l’obbligo di conservarla non decade dopo 5 anni per il Concessionario della riscossione

Nella Sentenza n. 1302 del 19 gennaio 2018 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità affermano che devono essere

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.