Revisori e relazione al rendiconto

Revisori e relazione al rendiconto

Nella Sentenza n. 592 del 3 aprile 2020 del Tar Lombardia, un Comune ha revocato l’incarico di Revisore dei conti in conseguenza del ritardo con cui lo stesso Revisore ha trasmesso la relazione sulla proposta di deliberazione consiliare di approvazione del rendiconto della gestione, a causa dell’incompletezza dei documenti. I Giudici affermano che è dovere del Revisore verificare la completezza della documentazione necessaria all’esercizio delle sue funzioni, nel termine di 20 giorni di cui all’art. 239, comma 1, lett. d), del Dlgs. n. 267/2000 (Tuel), la cui mancanza, andrà posta in evidenza nella sua relazione, potendo ciò eventualmente condurre alla formulazione di un parere negativo, che deve tuttavia necessariamente essere formulato, nel rispetto del predetto termine.  Dunque, in sostanza la mancanza di documenti non interrompe i termini dei Revisori.


Related Articles

Imposta pubblicità: l’esenzione prevista per le insegne di esercizio non si applica ai pannelli esposti sui distributori automatici

Nell’Ordinanza n. 13634 del 21 maggio 2019 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità chiariscono che l’esenzione dall’Imposta sulla

Accertamento tributario: la Cassazione torna sul tema della notifica dell’avviso di giacenza

Nella Sentenza n. 15834 del 23 giugno 2017 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità si esprimono sulla notifica

“Covid-19”: atto di segnalazione dell’Anac a Governo e Parlamento per consentire il pagamento dei lavori effettuati fino alla data della sospensione

Con l’Atto di segnalazione n. 5 del 29 aprile scorso, l’Autorità nazionale Anticorruzione, tenuto conto della particolare situazione di emergenza

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.