Revoca in autotutela dell’appalto anche dopo l’aggiudicazione definitiva: possibile purché ben motivata

Revoca in autotutela dell’appalto anche dopo l’aggiudicazione definitiva: possibile purché ben motivata

Nella Sentenza n. 73 del 12 febbraio 2016 del Tar Molise, i Giudici affermano che non è precluso alla stazione appaltante di procedere alla revoca o all’annullamento dell’aggiudicazione allorché la gara stessa non risponda più alle esigenze dell’ente e sussista un interesse pubblico, concreto ed attuale, all’eliminazione degli atti divenuti inopportuni, idoneo a giustificare il sacrificio del contrapposto interesse dell’aggiudicatario nei confronti dell’Amministrazione. Un tale potere si fonda, oltre che sulla disciplina di contabilità generale dello Stato, che consente il diniego di approvazione per motivi di interesse pubblico, sul principio generale dell’autotutela della Pubblica Amministrazione, che rappresenta una delle manifestazioni

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Smartworking: prorogati al 30 aprile 2021 gli effetti del Decreto del Ministero per la P.A. che ne consente lo svolgimento in forma semplificata

E’ stato pubblicato in G.U. n. 23 del 29 gennaio 2021, il Decreto 20 gennaio 2021 concernente la proroga delle

Metodo Arera “sperimentale”: “exit strategy” o opportunità strategica?

Nella Conferenza Stato-Città e Regioni del 30 gennaio 2020 il Governo ha assunto l’impegno a trovare una soluzione che renda

Appalto “a corpo”: l’analisi dei prezzi delle migliorie non è elemento essenziale

Nella Delibera n. 723 del 9 settembre 2020 dell’Anac, una Società ha contestato l’aggiudicazione di una gara ad altro concorrente