Revoca in autotutela dell’appalto anche dopo l’aggiudicazione definitiva: possibile purché ben motivata

Revoca in autotutela dell’appalto anche dopo l’aggiudicazione definitiva: possibile purché ben motivata

Nella Sentenza n. 73 del 12 febbraio 2016 del Tar Molise, i Giudici affermano che non è precluso alla stazione appaltante di procedere alla revoca o all’annullamento dell’aggiudicazione allorché la gara stessa non risponda più alle esigenze dell’ente e sussista un interesse pubblico, concreto ed attuale, all’eliminazione degli atti divenuti inopportuni, idoneo a giustificare il sacrificio del contrapposto interesse dell’aggiudicatario nei confronti dell’Amministrazione. Un tale potere si fonda, oltre che sulla disciplina di contabilità generale dello Stato, che consente il diniego di approvazione per motivi di interesse pubblico, sul principio generale dell’autotutela della Pubblica Amministrazione, che rappresenta una delle manifestazioni

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Tia: è valida la notificazione a mezzo “servizio postale” anche in assenza di relata di notifica

  Nell’Ordinanza n. 22899 del 29 settembre 2017 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità si esprimono in tema

Imu: “sì” del Mef al differimento dei termini per il versamento dell’acconto

È stata pubblicata sul sito web istituzionale del Mef-Dipartimento Finanze, la Risoluzione 8 giugno 2020 n. 5/Df, rubricata “Differimento dei

Concessione di servizi: riconducibilità dell’affidamento del “Servizio di gestione di distributori”

Nella Sentenza n. 2704 del 29 maggio 2015 del Consiglio di Stato, i Giudici statuiscono che l’affidamento del “Servizio di