Riduzione indebitamento: proventi dell’alienazione patrimoniale

Riduzione indebitamento: proventi dell’alienazione patrimoniale

Nella Delibera n. 293 del 25 ottobre 2017 della Corte dei conti Lombardia, viene chiesto un parere sulla destinazione dei proventi dell’alienazione patrimoniale. La Sezione rileva che l’art. 7, comma 5, del Dl. n. 78/15, impone ai Comuni la destinazione prioritaria del 10%, derivante dalle alienazioni patrimoniali, all’estinzione anticipata dei mutui, e per la restante quota secondo quanto stabilito dall’art. 1, comma 443, della Legge n. 228/12. Tale ultima disposizione persegue un obiettivo di interesse generale in un quadro di necessario concorso anche delle Autonomie al risanamento della finanza pubblica, che si sostanzia appunto nella riduzione dei debiti dei vari Enti. Pertanto, la Sezione conclude affermando che incombe sugli Enti Locali l’obbligo di destinare la suddetta percentuale alla riduzione del proprio indebitamento.


Related Articles

Tarsu: è dovuta per il Parcheggio scoperto del Centro commerciale, salvo dimostrazione del fatto che non vi si producono rifiuti

Nella Sentenza n. 18500 del 26 luglio 2017 della Corte di Cassazione, una Società impugnava l’avviso di accertamento notificato da

Esenzione Ici: non si applica se le attività di natura istituzionale non sono riconducibili all’Ente pubblico che lo ha dato in concessione

Nella Sentenza n. 16797 del 7 luglio 2017 della Corte di Cassazione, la questione controversa in esame ha ad oggetto

“Fondo per le risorse decentrate” del personale per l’annualità 2017: il parere della Corte Liguria sui limiti

Nella Delibera n. 64 del 21 luglio 2017 della Corte dei conti Liguria, un Comune ha chiesto un parere in