Riduzione Società e partecipazioni societarie: per la Consulta le norme introdotte dalla “Legge di stabilità 2015” sono legittime

Riduzione Società e partecipazioni societarie: per la Consulta le norme introdotte dalla “Legge di stabilità 2015” sono legittime

Una Regione ha impugnato le disposizioni previste dall’art. 1, commi 611 e 612, della Legge n. 190/14 per contrasto con gli artt. 3, 97, 117, commi 3 e 4, 118 e 119 della Costituzione, nonché con il principio di leale collaborazione di cui all’art. 120 della Costituzione.

I Giudici costituzionali, con la Sentenza n. 144 del 16 giugno 2016, affermano che l’obiettivo che tali disposizioni si prefiggono – di “riduzione” delle Società, e delle partecipazioni societarie, direttamente o indirettamente possedute (tra l’altro) dalle Regioni – si basa su un “piano di razionalizzazione” che non emargina, ma

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Debiti P.A.: determinate le anticipazioni di liquidità per consentire ai Comuni commissariati di rispettare i tempi di pagamento

Il Ministero dell’Interno – Direzione centrale della Finanza locale, ha diffuso il 6 maggio 2016 sul proprio sito istituzionale il

Organismi partecipati dagli Enti territoriali: esiti dell’indagine della Corte dei conti

Nella Delibera n. 27 del 24 novembre 2017 della Corte dei conti – Sezione Autonomie, viene analizzato il progetto di

Istituzione di Associazione non riconosciuta: gratuità dell’incarico per gli Amministratori

Nella Delibera n. 355 del 24 settembre 2019 della Corte dei conti Lombardia, un Comune ha costituito, assieme ad altri