Tributi armonizzati: il contraddittorio preventivo è obbligatorio

Tributi armonizzati: il contraddittorio preventivo è obbligatorio

Nell’Ordinanza n. 20799 del 5 settembre 2017 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità affermano che l’Amministrazione finanziaria ha l’obbligo generale di contraddittorio, la cui violazione comporta la nullità dell’atto, unicamente riguardo ai tributi armonizzati e purché il contribuente enunci in concreto le ragioni che avrebbe inteso far valere al fine di valutare la natura non meramente pretestuosa dell’opposizione. Invece, l’accertamento è legittimo pur in assenza del contradditorio preventivo, per i tributi non armonizzati, in assenza di specifiche previsioni normative.

 

Ordinanza n. 20799 – Corte di Cassazione 2017

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Accertamento: residenza e agevolazioni prima casa

Nell’Ordinanza n. 110 dell’8 gennaio 2015 della Corte di Cassazione, i Giudici hanno affermato che, “quanto alla determinazione della residenza,

Scorrimento delle graduatorie: rimesso alla discrezionalità dell’Amministrazione

Nella Sentenza n. 27823 del 1° luglio 2015 della Corte di Cassazione, in presenza di graduatorie concorsuali valide ed efficaci,

Impugnazione di un atto di riscossione coattiva

Nell’Ordinanza n. 11800 del 15 maggio 2018 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità si esprimono sulla scadenza del