Tributi armonizzati: il contraddittorio preventivo è obbligatorio

Tributi armonizzati: il contraddittorio preventivo è obbligatorio

Nell’Ordinanza n. 20799 del 5 settembre 2017 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità affermano che l’Amministrazione finanziaria ha l’obbligo generale di contraddittorio, la cui violazione comporta la nullità dell’atto, unicamente riguardo ai tributi armonizzati e purché il contribuente enunci in concreto le ragioni che avrebbe inteso far valere al fine di valutare la natura non meramente pretestuosa dell’opposizione. Invece, l’accertamento è legittimo pur in assenza del contradditorio preventivo, per i tributi non armonizzati, in assenza di specifiche previsioni normative.

 

Ordinanza n. 20799 – Corte di Cassazione 2017

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Scuola: previste assunzioni per oltre 110 mila docenti

Sulla G.U. n. 226 del 21 settembre 2021 è stato pubblicato il Decreto del Presidente della Repubblica del 6 agosto

“Legge Concorrenza”: il Ministero del Lavoro smentisce il Mise, l’obbligo della pubblicazione dei vantaggi economici decorre dal 2019

L’obbligo di pubblicità e trasparenza introdotto dall’art. 1, commi da 125 a 129, della Legge 4 agosto 2017, n. 124

“Legge europea sul Clima” in dirittura di arrivo

La Commissione accoglie con favore l’Accordo provvisorio odierno tra i co-Legislatori sulla “Legge europea sul Clima”. Elemento fondamentale del Green