“Riforma Pubblico Impiego”: le assenze per malattia nel Dlgs. n. 75/17

“Riforma Pubblico Impiego”: le assenze per malattia nel Dlgs. n. 75/17

L’art. 18 del Dlgs. 25 maggio 2017, n. 75, emanato in attuazione della Legge-delega 7 agosto 2015, n. 124, interviene in tema di disciplina dei controlli sulle assenze per malattia dei pubblici dipendenti.

Come è noto, a partire dall’estate del 2008 sono stati adottati diversi provvedimenti normativi volti a combattere l’assenteismo nelle Pubbliche Amministrazioni[1]: la disciplina delle malattie degli impiegati pubblici risulta dal combinato disposto degli artt. 71 del Dl. n. 112/08 (convertito nella Legge n. 133/08)[2] e 55-septies del Dlgs. n. 165/01, introdotto dall’art. 69, del Dlgs. n. 150/09[3].

Il comma 2-bis dell’art.55-septies, aggiunto in attuazione dell’art. 17, comma 1, lett. l), della Legge n. 124/15, devolve all’Inps gli accertamenti medico-legali sui dipendenti assenti dal servizio per malattia, superando in tal modo il precedente dualismo accertativo con le Aziende sanitarie. La norma prevede la stipula di apposite Convenzioni con i medici fiscali, previo Atto di indirizzo del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, di concerto con il Ministero per la Semplificazione e la Pubblica Amministrazione e con il Ministro della Salute.

L’art. 18 del Dlgs. n. 75/17 interviene anche sulle fasce orarie di reperibilità per i controlli sulle assenze per malattia, oggetto di altalenanti vicende normative.

L’art. 71, comma 3, della Legge n. 133/08, nella formulazione originaria le individuava dalle ore 8 alle 13 e dalle 14 alle 20. Tale previsione configurava più di un dubbio di legittimità costituzionale, sia per la discriminazione con la disciplina prevista per il settore privato, sia per l’eccessiva ampiezza delle fasce orarie che incidevano fortemente sulla libertà personale[4].

L’art. 17, comma 23 del Dl. n. 78/09, convertito nella Legge n. 102/09, ha ripristinato le fasce orarie di reperibilità per le visite fiscali, previste dal Dm. 15 luglio 1986[5], ossia dalle ore 10 alle 12 e dalle 17 alle 19[6]. Il comma 3 dell’art. 71 è stato poi abrogato dal Dlgs. n. 150/09, che ha introdotto l’art. 55-septies del Dlgs. n. 165/01, il quale demandava ad un Decreto del Ministro per la Pubblica Amministrazione e l’Innovazione l’individuazione delle fasce orarie di reperibilità. In esecuzione di tale disposto è stato emanato il Dm. n. 206/09[7], che fissa le fasce orarie dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18 ed esclude l’obbligo di reperibilità per le assenze riconducibili a patologie gravi richiedenti terapie salvavita[8], infortuni sul lavoro, malattie per le quali è stata riconosciuta la causa di servizio e stati patologici sottesi o connessi a situazione di invalidità riconosciuta.

Il nuovo comma 5-bis dell’art. 55-septies del Dlgs. n. 165/01, prevede l’armonizzazione della disciplina dei Settori pubblico e privato, demandando ad un apposito decreto interministeriale la definizione delle fasce orarie di reperibilità e le modalità per lo svolgimento delle visite medesime.

[1] Cfr. Martone, Assenteismo e rimedi nel pubblico impiego, in Mass. giur. lav., 2009, 127.

[2] Cfr. Miscione, Il diritto del lavoro dopo il D.L. n. 112 del 2008 su sviluppo economico e semplificazione, in Lav. giur., 2008, 975.

[3] Cfr. Argenziano, Nuove fasce di reperibilità per la lotta all’assenteismo, in Guida pubbl. imp., n. 11/2009, 59.

[4] Cfr.: Massimiani, La mobilità volontaria e la malattia dei dipendenti pubblici dopo il Decreto legislativo n. 150/2009, in Lav. giur., 2010, 885; Casale, La rinnovata disciplina della malattia del dipendente pubblico, in Il lav. nelle P.A., 2012, 503.

[5] In G.U. 24 luglio 1986 n. 171.

[6] Cfr. Barilà, Misure anticrisi per PA e lavoro pubblico, in Guida pubbl. imp., n. 9/2009, 24.

[7] In G.U. 20 gennaio 2010 n. 15. Cfr. Pietrosanti, Malattia nel pubblico impiego: fascia di reperibilità estesa a 7 ore, in Guida lav., n. 5/2010, 50.

[8] Cfr. Dipartimento Funzione pubblica, Parere 24 luglio 2012 n. 30536, in www.funzionepubblica.gov.it.

di Luca Busico

 


Related Articles

“Spesometro 2017”: occorre comunicare anche i corrispettivi?

Il testo del quesito “In merito all’imminente scadenza relativa alla comunicazione dati fatture, in quanto Comune vorremmo sapere se: 1)

“Patto di solidarietà nazionale verticale”: predisposto il Modello per la richiesta degli spazi finanziari da parte degli Enti Locali

E’ stato predisposto sul sito del Mef, dedicato al “Pareggio di bilancio”, il Modello per la richiesta da parte degli

Mutui Enti Locali: determinazione del costo globale annuo massimo

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 68 del 21 marzo 2019 il Decreto 14 marzo 2019 del Ministero dell’Economia e