Rilevazione fabbisogni standard: il 25 gennaio 2019 scade il termine per l’invio dei Questionari Sose

Rilevazione fabbisogni standard: il 25 gennaio 2019 scade il termine per l’invio dei Questionari Sose

Con il Decreto Mef 21 novembre 2018, pubblicato sulla G.U. n. 275 del 26 novembre 2018, è stata resa nota l’avvenuta pubblicazione sul sito http://www.opencivitas.itdel nuovo Questionario unico Sose per i Comuni, le Unioni di Comuni e le Comunità montane delle Regioni a Statuto ordinario e della Sicilia (denominato “FC40U”) e individuato il termine entro il quale questo dovrà essere restituito dagli Enti.

Premesso che la scadenza coincide con 60 giorni dalla pubblicazione in Gazzetta e che quest’ultima è avvenuta lo scorso 26 novembre 2018, i Questionari dovranno essere debitamente compilati e trasmessi in via telematica alla Sose- “Soluzioni per il sistema economico Spa” -non più tardi del 25 gennaio 2019.

Le modalità per la compilazione dei Questionari saranno rese note sul citato sito http://www.opencivitas.it, che fa capo appunto a Sose Spa.

Ricordiamo che il “Questionario unico per i Comuni, le Unioni di Comuni e le Comunità Montane – FC40U” ha lo scopo di consentire l’acquisizione dei dati rilevanti ai fini della determinazione dei fabbisogni standard dei Comuni, delle Unioni di Comuni e delle Comunità montane, relativamente alle “funzioni fondamentali” definite nel Dlgs. n. 216/2010.

I dati richiesti riguardano:

  • lerisorse a disposizione per la produzione dei servizi svolti per le funzioni di Istruzione pubblica, Settore sociale e Asili nido, Amministrazione, gestione e controllo (Ufficio Tecnico), Polizia locale, Viabilità e trasporti e Gestione del territorio e dell’ambiente.
  • lecaratteristiche dell’Ente e del territorio,
  • leconsistenze e le spese del personale addetto a ciascun servizio e riguardanti le entrate (accertamenti) e le spese (impegni) correnti per ogni servizio.

Il Questionario deve essere compilato in ogni sua parte dai Comuni, dalle Unioni dei Comuni e dalle Comunità montane, sia per quanto riguarda le informazioni di natura contabile e relative al personale che per quelle di tipo strutturale, con riferimento al 2017.

Ricordiamo che, sulla base dell’Accordo in Conferenza Stato-Città ed Autonomie locali 16 dicembre 2014, come modificato dall’Accordo 27 settembre 2017 della medesima Conferenza, il mancato adempimento a quest’obbligo, comporta l’applicazione della sanzione prevista dall’art. 5, comma 1, lett. c), del Tuel, vale a dire il blocco per i pagamenti dell’anno di inadempienza delle risorse spettanti a qualsiasi titolo nei confronti degli Enti coinvolti.


Related Articles

Patto di stabilità: pubblicato il modello per il Patto di stabilità “orizzontale nazionale”

La Ragioneria generale dello Stato ha comunicato sulla pagina web dedicata il Modello per l’acquisizione delle informazioni concernenti il cosiddetto

Appalti pubblici: Anac conferma la vigenza delle procedure semplificate per i casi di estrema urgenza

Sono ancora vigenti le procedure semplificate per l’affidamento dei lavori di importo inferiore alla soglia comunitaria, introdotte dall’art. 9 del

Pagamenti P.A.: chiarimenti e nuove regole tecniche per l’immissione manuale dei dati nella “Piattaforma di certificazione dei crediti”

La Ragioneria generale dello Stato è intervenuta a chiarire, con la Circolare n. 21 del 25 giugno 2014, l’operatività del

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.