Rimborso spese aspettative sindacali dipendenti: il Viminale non garantisce assistenza tecnica in prossimità della scadenza

Rimborso spese aspettative sindacali dipendenti: il Viminale non garantisce assistenza tecnica in prossimità della scadenza

Con il Comunicato 19 aprile 2018, il Ministero dell’Interno – Direzione centrale per la Finanza locale, ha richiamato l’attenzione degli Enti Locali sull’imminente scadenza del 2 maggio 2018, termine ultimo per trasmettere la certificazione per chiedere il rimborso delle spese sostenute per le aspettative sindacali dei dipendenti.

Il termine è stato individuato dal Dm. Interno 27 febbraio 2018, pubblicato sulla G.U. n. 58 del 10 marzo 2018, con il quale è stato approvato anche il Modello di certificazione (distinto per tipo di Ente) con il quale le Province, i Comuni, le Comunità montane, nonché le ex Ipab (ora Asp), potranno certificare le spese sostenute per il personale cui è stata concessa nel corso del 2017 l’aspettativa per motivi sindacali.

Nel ricordare che tale Modello dev’essere inviato entro le ore 14:00 del 2 maggio 2018, la Direzione centrale ha segnalato che il giorno 30 aprile 2018 il personale in servizi presso gli Uffici del Viminale sarà ridotto e non sarà quindi possibile garantire agli Enti il consueto supporto nella risoluzione delle problematiche, di carattere informatico, connesse all’invio del certificato in questione.

Gli Enti interessati sono pertanto invitati a “trasmettere la certificazione richiesta con congruo anticipo, e non in prossimità della scadenza prefissata delle ore 14:00 del 2 maggio 2018, in modo da consentire gli interventi necessari per risolvere le eventuali criticità riscontrate nell’invio telematico della medesima”.


Related Articles

“Legge sull’usura”: definiti i tassi per il periodo aprile-giugno 2017

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 76 del 31 marzo 2017 il Decreto Ministero dell’Economia e delle Finanze 27 marzo

Rilevamento stato di ebbrezza: via libera della Cassazione all’accertamento sintomatico per casi di lieve entità

E’ stata recentemente pubblicata una interessante Sentenza della Corte di Cassazione, Sezione Penale, in materia di rilevamento dello stato di

“Centrale unica di committenza”: semplificazione delle procedure anche per i Comuni con popolazione inferiore a 10.000 abitanti

L’attuale versione del comma 3 dell’art. 23-ter del Dl. n. 90/14, convertito con Legge n. 114/14, prevede la deroga all’obbligo