Rinegoziazione dei contratti: serve sempre una gara preventiva

Rinegoziazione dei contratti: serve sempre una gara preventiva

Nella Sentenza n. 398 del 21 maggio 2015 del Tar Abruzzo – L’Aquila – Sezione Prima, i Giudici affermano che l’Amministrazione non può continuare ad assicurarsi il servizio in appalto rinegoziando i vecchi contratti senza gara, anche di fronte alla prospettiva di risparmi di spesa e benefici organizzativi interni. I Giudici sottolineano che serve la gara con i criteri dell’offerta economicamente più vantaggiosa e che non è possibile procedere con l’affidamento diretto o con una procedura negoziata con bando.

La finalità di risparmio per le finanze pubbliche in periodo di necessaria spending review o la presunta temporaneità della rinegoziazione in

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Clausole non escludenti: possono essere impugnate solo da chi partecipa alla gara

Con la Delibera n. 503 del 5 giugno 2019 dell’Anac, una Società ha contestato la lettera d’invito relativa ad una

“Documento di economia e finanza” 2015: verso l’esame della Commissione europea

Con il Comunicato-stampa n. 97 del 28 aprile 2015, il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha annunciato di aver trasmesso

Dichiarazione integrativa: esercitabile anche in pendenza di giudizio

La Corte di Cassazione, con la Sentenza n. 20415 del 26 settembre 2014, ha affermato che la possibilità per il