Riscossione: accertamento con adesione valido anche senza la preventiva autorizzazione del Giudice delegato

Riscossione: accertamento con adesione valido anche senza la preventiva autorizzazione del Giudice delegato

 

Nella Sentenza n. 13242 del 26 giugno 2015, la Corte di Cassazione statuisce che la mancanza dell’autorizzazione del Giudice delegato o del Tribunale, prevista dall’art. 35 della “Legge Fallimentare”, ad integrazione dei poteri spettanti al Curatore nello svolgimento di attività negoziale, comporta non la nullità dei negozi posti in essere ma l’annullabilità dei medesimi.

Poiché il citato art. 35 è previsto nell’interesse dell’amministrazione fallimentare, l’annullabilità dell’accordo posto in essere dal Curatore può essere fatta valere solamente da quest’ultima, ai sensi dell’art. 1441 del Codice civile.

Sentenza n. 13242 del 26 giugno 2015 – Corte di Cassazione


Related Articles

Ripristino di una sede farmaceutica istituita da moltissimi anni e da molto tempo rimasta vacante

Nella Sentenza n. 3829 dell’8 settembre 2016 del Consiglio di Stato, Sezione Terza, i Giudici riconoscono, con specifico riferimento alle

Imposta comunale sulla pubblicità: presupposto impositivo

Nell’Ordinanza n. 21043 del 2 ottobre 2020 della Corte di Cassazione, la Suprema Corte osserva che costituisce fatto imponibile qualsiasi

Iscrizione ipotecaria debiti tributari: si fa riferimento anche ai crediti iscritti a ruolo che sono oggetto di contestazione

Nella Sentenza n. 20055 del 7 ottobre 2015 della Corte di Cassazione, i Giudici affermano che, in tema di iscrizione