Riscossione: affidamento a terzi dell’attività di riscossione coattiva e la validità dell’ingiunzione di pagamento

Riscossione: affidamento a terzi dell’attività di riscossione coattiva e la validità dell’ingiunzione di pagamento

Nell’Ordinanza n. 5150 del 21 febbraio 2019 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità rilevano che la disciplina più rigorosa che la “Legge Finanziaria 2008” ha introdotto, in tema di affidamento a terzi delle attività di accertamento e riscossione di tributi ed entrate comunali, rileva soltanto ai fini del rilascio di nuove concessioni o di rinnovo di concessioni dopo il 1° gennaio 2008, non facendo venire meno le concessioni in corso, già rilasciate nel vigore della precedente disciplina, che limitava l’iscrizione all’Albo ministeriale ai soli soci privati delle Società per azioni o a responsabilità limitata a prevalente

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Diritti di rogito del Segretario: il nuovo regime giuridico opera per i contratti rogati dopo l’entrata in vigore del Dl. n. 90/14

Nella Delibera n. 21 della Corte dei conti Lazio, un Sindaco ha inoltrato una richiesta di parere riguardante l’interpretazione delle

Trasferimenti erariali: disposto il pagamento del 70% degli oneri di stabilizzazione per il personale ex Eti

Il Ministero dell’Interno – Direzione centrale per la Finanza locale, con il Comunicato 19 aprile 2018 ha reso noto di

Tari: onere della prova in caso di accertamento

Nell’Ordinanza n. 21780 del 7 settembre 2018 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità hanno  chiarito alcuni rilevanti aspetti

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.