Riscossione dei Tributi locali: l’affidamento “in house pluri-partecipato”

Riscossione dei Tributi locali: l’affidamento “in house pluri-partecipato”

Anche l’attività di accertamento, liquidazione e riscossione dei Tributi può essere gestita dai Comuni per il tramite di una Società “in house providing”.

Il quadro normativo in materia di riscossione dei Tributi locali non era così chiaro e qualche dubbio sulla legittimità del c.d. “in house pluri-partecipato” è rimasto fino all’intervento della Cassazione Civile, Sezione Tributaria Sentenza 11 gennaio 2018, n. 456.

La questione di per se apparirebbe del tutto pleonastica dopo l’emanazione dell’art. 5 del “Codice degli Appalti” (Dlgs. n. 50/16) e del “Tusp” (“Testo unico delle Società a partecipazione

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Tosap: non assoggettabile l’area concessa in diritto di superficie

  Nella Sentenza n. 11437 del 3 giugno 2015 della Corte di Cassazione, la controversia verte in merito all’applicabilità della

Appalti pubblici: Palazzo Spada, “Occorre garantire l’integrità morale del concorrente, sia se persona fisica che persona giuridica”

Nella Sentenza n. 2813 del 23 giugno 2016 del Consiglio di Stato, Sezione Quinta, la vicenda controversa riguarda l’esclusione dell’appellante

Durc: è necessario in caso di erogazione di contributi ad esercizi commerciali?

Il testo del quesito: “L’Amministrazione ha intenzione di erogare contributi ad esercizi commerciali che intende ‘premiare’ a seguito di iniziative

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.