Riscossione: le nuove modalità di gestione e riscossione delle entrate alla luce dell’ingresso di “Agenzia delle Entrate Riscossione”

Riscossione: le nuove modalità di gestione e riscossione delle entrate alla luce dell’ingresso di “Agenzia delle Entrate Riscossione”

Premessa

Come disposto dall’art. 2, comma 2, del Dl. n. 193/16, “a decorrere dal 1° luglio 2017, le Amministrazioni locali di cui all’art. 1, comma 3, possono deliberare di affidare al soggetto preposto alla riscossione nazionale le attività di riscossione, spontanea e coattiva, delle entrate tributarie o patrimoniali proprie e, fermo restando quanto previsto dall’art. 17, commi 3-bis e 3-ter, del Dlgs. n. 46/99, delle Società da esse partecipate”.

Pertanto, dal 1° luglio 2017 gli Enti Locali potranno decidere se affidare al nuovo Agente nazionale della riscossione la gestione e riscossione delle entrate di loro competenza.

La Delibera

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Raggruppamento temporaneo di professionisti: è un soggetto diverso dal singolo Professionista

Nel Parere n. AG 38 del 6 maggio 2015 dell’Anac, un Ingegnere, libero professionista, ha posto all’Autorità un quesito inerente

Tari: è dovuta anche in caso di chiusura stagionale di un albergo, salvo dimostrazione di concreta inutilizzabilità della struttura

Nell’Ordinanza n. 10156 dell’11 aprile 2019 della Corte di Cassazione, la questione controversa in esame riguarda la debenza della Tari

Elezioni amministrative maggio 2015: le istruzioni del Viminale su spese e onorari dei componenti dei seggi

Il Ministero dell’Interno – Direzione centrale della Finanza locale, ha diffuso, con le Circolari n. 5 e 6 del 24