Riscossione: “sì” all’utilizzo dell’ingiunzione di pagamento per le sanzioni contro le violazioni del “Codice della Strada”

Riscossione: “sì” all’utilizzo dell’ingiunzione di pagamento per le sanzioni contro le violazioni del “Codice della Strada”

Nella Sentenza n. 22710 del 28 settembre 2017 della Corte di Cassazione, la questione controversa riguarda un’opposizione contro una ingiunzione di pagamento emessa, in base all’art. 2 del Rd. n. 639/10, da una Società di riscossione in relazione a 2 infrazioni al “Codice della Strada”.

La Suprema Corte rileva che la Legge n. 44/12, che ha convertito il Dl. n. 16/12, ha attribuito nuovamente alle Società concessionarie la facoltà di procedere alla riscossione coattiva delle somme attraverso l’ingiunzione di pagamento di cui al Rd. n. 639/10. Pertanto, la Società concessionaria incaricata della riscossione è autorizzata ad utilizzare l’ingiunzione di pagamento per le sanzioni contro le violazioni del “Codice della Strada”.


Related Articles

Cauzione provvisoria intestata alla sola mandataria: non comporta l’automatica esclusione dalla gara

Il Consiglio di Stato, con la Sentenza n. 57 del 14 gennaio 2015, afferma che la produzione di una cauzione

Contratto di “leasing in costruendo”: modalità di contabilizzazione di lavori aggiuntivi

Nella Delibera n. 422 del 21 dicembre 2016 della Corte dei conti Lombardia, viene chiesto un parere sui criteri di

Unioni civili: per la Corte Costituzionale la scelta di un cognome comune non modifica la scheda anagrafica individuale

La funzione del “cognome comune”, scelto dalle parti una unione civile come cognome d’uso senza valenza anagrafica, non determina alcuna