Riscossione: “sì” all’utilizzo dell’ingiunzione di pagamento per le sanzioni contro le violazioni del “Codice della Strada”

Riscossione: “sì” all’utilizzo dell’ingiunzione di pagamento per le sanzioni contro le violazioni del “Codice della Strada”

Nella Sentenza n. 22710 del 28 settembre 2017 della Corte di Cassazione, la questione controversa riguarda un’opposizione contro una ingiunzione di pagamento emessa, in base all’art. 2 del Rd. n. 639/10, da una Società di riscossione in relazione a 2 infrazioni al “Codice della Strada”.

La Suprema Corte rileva che la Legge n. 44/12, che ha convertito il Dl. n. 16/12, ha attribuito nuovamente alle Società concessionarie la facoltà di procedere alla riscossione coattiva delle somme attraverso l’ingiunzione di pagamento di cui al Rd. n. 639/10. Pertanto, la Società concessionaria incaricata della riscossione è autorizzata ad utilizzare l’ingiunzione di pagamento per le sanzioni contro le violazioni del “Codice della Strada”.


Related Articles

Oneri derivanti dall’erogazione degli incentivi per funzioni tecniche

Nella Delibera n. 30 del 9 maggio 2018 della Corte dei conti Toscana, un Sindaco ha chiesto un parere sugli

Tarsu: l’autorimessa di pertinenza dell’abitazione è soggetta alla Tassa in assenza di prova contraria da parte del contribuente

Nell’Ordinanza n. 8581 del 31 marzo 2017 della Corte di Cassazione, viene impugnato un avviso di accertamento Tarsu con il

Ici: non spetta l’esenzione per una Società di capitali per lo smaltimento dei rifiuti costituita da Comuni

Nella Sentenza n. 8872 del 4 maggio 2016 della Corte di Cassazione, la questione controversa riguarda l’esenzione Ici di una