Rti: la dichiarazione di impegno è elemento essenziale dell’offerta e non è modificabile con il “soccorso istruttorio”

Rti: la dichiarazione di impegno è elemento essenziale dell’offerta e non è modificabile con il “soccorso istruttorio”

Nella Delibera n. 118 del 10 febbraio 2021 dell’Anac, una Società (seconda classificata nella procedura per il completamento, riqualificazione e messa a norma dei blocchi di servizi igienici e superamento barriere architettoniche) ha contestato il provvedimento di aggiudicazione in favore del Rti composto da 2 Srl, per violazione del Principio di corrispondenza tra requisiti di qualificazione e quota di esecuzione dei lavori. L’Anac afferma che deve essere esclusa la ricorrenza di un errore materiale nella trascrizione delle categorie di lavori e nella specificazione delle quote di esecuzione quando dalla lettura della dichiarazione di impegno di un raggruppamento (prodotta in sede di gara) non vi sono elementi da cui desumere l’univoca volontà del raggruppamento di attribuire una determinata categoria ad una impresa diversa da quella erroneamente indicata, in quanto l’errore materiale deve consistere in una inesattezza o in una svista accidentale riconoscibile ictu oculi senza bisogno di alcuna indagine ricostruttiva della volontà dell’offerente. La dichiarazione di impegno, resa ai sensi dell’art. 48, comma 4, del Dlgs. n. 50/2016, con cui le Imprese che partecipano alla gara in Raggruppamento temporaneo specificano le categorie di lavori e le quote che saranno eseguite dai singoli operatori riuniti, costituisce un elemento essenziale dell’offerta, in quanto dichiarazione di impegno vincolante nei confronti della Stazione appaltante, non integrabile né modificabile con il soccorso istruttorio.


Related Articles

Trasferimenti Enti Locali: ai Comuni 7,3 milioni di Euro per le Politiche giovanili, soddisfazione di Anci

La Conferenza Unificata del 29 gennaio 2020, presieduta dal Ministro per gli Affari regionali e le Autonomie, ha dato il

Iva: la cessione di beni ammortizzabili non incide nel calcolo del pro-rata di detraibilità se strumentali all’attività d’impresa

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 165 del 4 giugno 2020, ha fornito chiarimenti in ordine

Governance pubblica: al via il “Premio cultura di gestione” per la valorizzazione dei modelli innovativi di gestione delle risorse culturali

Al via la nona edizione del “Premio cultura di gestione”. A promuoverlo è Federculture in collaborazione con Agis, Alleanza Cooperative

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.