Rup: nei contratti pubblici assume il ruolo di Responsabile dei lavori ai fini del rispetto delle norme in materia di sicurezza

Rup: nei contratti pubblici assume il ruolo di Responsabile dei lavori ai fini del rispetto delle norme in materia di sicurezza

Nel Parere Anac n. 228 del 16 dicembre 2015, il quesito riguarda la legittimità della previsione della lettera di invito secondo la quale l’appaltatore assume la qualifica e le competenze di Responsabile dei lavori, previsione che sarebbe in contrasto con l’art. 89 del Dlgs. n. 81/08, il quale attribuisce tale ruolo al Responsabile del procedimento per gli interventi ricadenti nella disciplina dettata dal Dlgs. n. 163/06. L’ Anac rileva che nel settore dei contratti pubblici, disciplinato dal Dlgs. n. 163/06 e dal Dpr. n. 207/10, la normativa di riferimento è chiara nel disporre che il Responsabile del procedimento assume il ruolo di Responsabile dei lavori, ai fini del rispetto delle norme in materia di sicurezza e salute dei lavoratori sui luoghi di lavoro. Quindi, nella realizzazione di lavori pubblici, a carico del Responsabile unico del procedimento e Responsabile dei lavori “grava una posizione di garanzia connessa ai compiti di sicurezza non solo nella fase genetica dei lavori, laddove vengono redatti i piani di sicurezza, ma anche durante il loro svolgimento, ove è previsto che debba svolgere un’attività di sorveglianza del loro rispetto”. Pertanto, tale ruolo di garanzia non può essere assunto dall’appaltatore.

Parere Anac n. 228 del 16 dicembre 2015


Related Articles

Imposta di registro e catastale: acquisto di terreno edificabile con entrostante fabbricato in corso di iniziale costruzione

Nella Sentenza n. 13423 del 30 giugno 2016 della Corte di Cassazione, l’Agenzia delle Entrate ha presentato ricorso in relazione

Tarsu: parcheggio coperto

Nella Sentenza n. 8908 dell’11 aprile 2018 della Corte di Cassazione, la questione controversa in esame riguarda un avviso di

“Piano casa”: chiarimenti del Ministero dell’Interno sull’applicazione delle norme anti abusivismo

Il Ministero dell’Interno – Direzione centrale per i Servizi Demografici, ha chiarito – con la Circolare n. 14 del 1˚