Rup: pubblicate nuove Faq dall’Autorità nazionale Anticorruzione

Rup: pubblicate nuove Faq dall’Autorità nazionale Anticorruzione

Lo scorso 19 febbraio 2021 l’Autorità nazionale Anticorruzione (Anac) ha aggiornato, nella Sezione “Contratti pubblici”, le Faq relative all’applicazione delle Linee-guida n. 3, approvate con Deliberazione n. 1096/2016 e successivamente aggiornate con Deliberazione n. 1007/2017, aventi ad oggetto “Nomina, ruolo e compiti del Responsabile unico del procedimento per l’affidamento di appalti e concessioni”.

In particolare, l’Anac ha chiarito che:

  • negli Enti Locali con popolazione inferiore a 5.000 abitanti l’incarico di Rup può essere affidato ai componenti della Giunta, ai quali possono essere attribuiti poteri di natura tecnico-gestionale ai sensi dell’art. 53, comma 23, della Legge n. 388/2000. Tale deroga tuttavia si applica soltanto in caso di carenza in organico di figure idonee a ricoprire la funzione di Rup e qualora detta carenza non possa essere altrimenti superata senza incorrere in maggiori oneri per l’Amministrazione. Pertanto, la Stazione appaltante deve verificare, in via prioritaria, la possibilità di attribuire l’incarico adi Rup ad un qualsiasi Dirigente o dipendente amministrativo in possesso dei requisiti o, in mancanza, ad una Struttura di supporto interna formata da dipendenti che, anche per sommatoria, raggiungano i requisiti minimi richiesti dalle Linee-guida n. 3/2016 o, ancora, di svolgere la funzione in forma associata con altri Comuni, senza incorrere in maggiori oneri. In sostanza, soltanto quando l’unica alternativa percorribile nel caso concreto per superare la carenza in organico di figure idonee a ricoprire l’incarico di Rup sia rappresentata dalla costituzione di una Struttura di supporto esterna formata da membri scelti con procedure di evidenza pubblica, potrà ritenersi configurato il presupposto della necessità richiesto dall’art. 53, comma 23, della Legge n. 388/2000 per l’applicazione della deroga ivi prevista;
  • il soggetto in possesso dei requisiti richiesti per svolgere le funzioni di Rup per affidamenti di importo pari o superiore a Euro 150.000 e inferiori a Euro 1.000.000 [par. 4.2 lett. b) della Line-guida n. 3], può svolgere le funzioni di Rup anche per affidamenti di importo inferiore ad Euro 150.000 [par. 4.2 lett. a) della Linee-guida n. 3].

Related Articles

Conferimento di incarico a titolare di carica elettiva: la Corte veneta interviene sui limiti da osservare

Nella Delibera n. 131 del 2 marzo 2017 della Corte dei conti Veneto, un Comune chiede se il divieto di

Il controllo pubblico nel “Testo unico in materia di Società a partecipazione pubblica”: teorie a confronto

Sommario Premessa; 1. La rilevanza della classificazione delle società fra quelle a “controllo” ai sensi del “Tusp”; 2. Il primo

Finanza locale: l’Orientamento sui provvedimenti di rotazione e revoca del Responsabile del “Servizio Finanziario”

L’Osservatorio sulla finanza e la contabilità degli Enti Locali del Ministero dell’Interno ha pubblicato sul sito istituzionale del Dipartimento della

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.