Scioglimento del Consiglio comunale: presupposti

Scioglimento del Consiglio comunale: presupposti

Nella Sentenza n. 4529 del 28 settembre 2015 del Consiglio di Stato, un Sindaco e i membri del Consiglio comunale e/o della Giunta hanno chiesto l’annullamento dei provvedimenti che hanno condotto allo scioglimento dello stesso Consiglio comunale, ai sensi dell’art. 143 del Tuel, chiedendo di essere reintegrati nelle funzioni precedentemente svolte. I Giudici rilevano che, in base ai consolidati principi giurisprudenziali, le vicende che costituiscono il presupposto del provvedimento di scioglimento di un Consiglio comunale ai sensi dell’art. 143 del Tuel, devono essere considerate nel loro insieme, e non atomisticamente, e risultare idonee a delineare, con una ragionevole ricostruzione, il

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Rinegoziazione prestiti Comuni – secondo semestre 2017: allungati i tempi per la documentazione

Cassa Depositi e Prestiti Spa, con un Avviso, ha comunicato, in risposta alle richieste pervenute dagli Enti, che per agevolare

Questionari dei Revisori sul consuntivo 2017: il quadro delle prime scadenze deliberate dalle Sezioni regionali della Corte dei conti – AGGIORNAMENTO

Per i Revisori dei conti degli Enti Locali si avvicina il termine per l’invio telematico – attraverso il Sistema “Con.Te”

Spesa per il personale degli Enti territoriali: il quadro tracciato dalla Sezione Autonomie della Corte dei conti

Con il Comunicato-stampa 13 maggio 2015, la Corte dei conti pone in evidenza la Delibera n. 16 del 30 aprile