Sentenza della Corte Costituzionale n. 18/2019 in materia di “Piano di riequilibrio finanziario pluriennale”: conseguenze e quesiti

Sentenza della Corte Costituzionale n. 18/2019 in materia di “Piano di riequilibrio finanziario pluriennale”: conseguenze e quesiti

Il presente elaborato si pone l’obiettivo di prendere in esame quanto stabilito dalla Sentenza della Corte Costituzionale n. 18 del 14 febbraio 2019, che ha dichiarato l’illegittimità del comma 714, dell’art. 1, della Legge n. 208/15, per fornire le prime riflessioni ed indicazioni sulle possibili conseguenze di tale pronunciamento.

Il comma 714, ora dichiarato costituzionalmente illegittimo, poteva essere utilizzato da un Ente Locale per rimodulare o riformulare il proprio “Piano di riequilibrio” entro il 31 maggio 2017, eliminando dall’importo totale delle passività da ripianare nell’arco temporale previsto dal “Piano” stesso la quota di disavanzo risultante dalla

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

“Società in house”: ancora da emanare le “Linee-guida” per l’iscrizione dell’Elenco Anac delle Amministrazioni che vi fanno ricorso

L’art. 192, comma 1, del Dlgs. n. 50/16, prevede che – presso l’Anac – è istituito un apposito Elenco di

Principio onnicomprensività retribuzione dipendenti pubblici: non esclude compensi incentivanti per gli atti di pianificazione

Nella Delibera n. 55 del 3 agosto 2017 della Corte dei conti Friuli Venezia Giulia, viene chiesto un parere in

Finanza pubblica: definite le modalità di recupero del contributo a carico di Province e Città metropolitane

Con il Comunicato 29 novembre 2016, il Ministero dell’Interno – Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali – ha reso

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.