Sentenza della Corte Costituzionale n. 18/2019 in materia di “Piano di riequilibrio finanziario pluriennale”: conseguenze e quesiti

Sentenza della Corte Costituzionale n. 18/2019 in materia di “Piano di riequilibrio finanziario pluriennale”: conseguenze e quesiti

Il presente elaborato si pone l’obiettivo di prendere in esame quanto stabilito dalla Sentenza della Corte Costituzionale n. 18 del 14 febbraio 2019, che ha dichiarato l’illegittimità del comma 714, dell’art. 1, della Legge n. 208/15, per fornire le prime riflessioni ed indicazioni sulle possibili conseguenze di tale pronunciamento.

Il comma 714, ora dichiarato costituzionalmente illegittimo, poteva essere utilizzato da un Ente Locale per rimodulare o riformulare il proprio “Piano di riequilibrio” entro il 31 maggio 2017, eliminando dall’importo totale delle passività da ripianare nell’arco temporale previsto dal “Piano” stesso la quota di disavanzo risultante dalla

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Evasione fiscale: Audizione del Direttore Orlandi sul Disegno di legge in materia di emersione e rientro di capitali detenuti all’estero  

Lo scorso 20 novembre 2014 si è tenuta, presso le Commissioni riunite Giustizia e Finanza e Tesoro, l’Audizione del Direttore

Affidamento Servizio “Tesoreria” dopo l’entrata in vigore del Dlgs. n. 50/16: concessione o appalto?

Il quesito: “Dobbiamo rinnovare il Servizio di ‘Tesoreria’e nel bando di gara, inizialmente, non verrà previsto un compenso. Trattasi di

Immobili occupati: la Direttiva del Viminale sugli sgomberi alla luce del “Decreto Sicurezza urbana”

Ricognizione degli immobili inutilizzati presenti sul territorio nazionale, sia di proprietà pubblica che privata, vigilanza più serrata al fine di

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.