Sentenza della Corte Costituzionale n. 18/2019 in materia di “Piano di riequilibrio finanziario pluriennale”: conseguenze e quesiti

Sentenza della Corte Costituzionale n. 18/2019 in materia di “Piano di riequilibrio finanziario pluriennale”: conseguenze e quesiti

Il presente elaborato si pone l’obiettivo di prendere in esame quanto stabilito dalla Sentenza della Corte Costituzionale n. 18 del 14 febbraio 2019, che ha dichiarato l’illegittimità del comma 714, dell’art. 1, della Legge n. 208/15, per fornire le prime riflessioni ed indicazioni sulle possibili conseguenze di tale pronunciamento.

Il comma 714, ora dichiarato costituzionalmente illegittimo, poteva essere utilizzato da un Ente Locale per rimodulare o riformulare il proprio “Piano di riequilibrio” entro il 31 maggio 2017, eliminando dall’importo totale delle passività da ripianare nell’arco temporale previsto dal “Piano” stesso la quota di disavanzo risultante dalla

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Assenza del cronoprogramma previsto dal bando: legittima l’esclusione dall’appalto

Nella Sentenza n. 1020 del 20 febbraio 2017 del Tar Campania, la ricorrente impugna il provvedimento di esclusione adottato dalla

Polizia locale: le modalità di rimborso delle spese sostenute per corresponsione equo indennizzo e spese degenza per causa di servizio

Con la Circolare n. 4 del 18 febbraio 2019, il Ministero dell’Interno-Direzione centrale della Finanza locale, ha fornito una serie

Addizionale regionale all’Irpef: emanato un Decreto Mef per la comunicazione dei dati rilevanti per la sua determinazione

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 300, del 28 dicembre 2015, il Decreto Ministero dell’Economia e delle Finanze 18 dicembre

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.