“Servizi Demografici”: abolito l’obbligo di presentare il “nulla-osta” per sposarsi in Ucraina    

“Servizi Demografici”: abolito l’obbligo di presentare il “nulla-osta” per sposarsi in Ucraina    

Per sposarsi in Ucraina non occorre più presentare un “nulla-osta” ma è sufficiente un’autocertificazione. A renderlo noto, con la Circolare n. 34 del 13 febbraio 2016, è il Ministero dell’Interno – Direzione centrale per i Servizi Demografici, che si è fatta portavoce di quanto riferito dall’Ambasciata di Kiev per il tramite della Farnesina.

I cittadini stranieri che intendono contrarre matrimonio nel Paese non devono pertanto più presentare alcuna dichiarazione rilasciata dalla Rappresentanza diplomatico-consolare, come il “Certificato di stato libero” o il “nulla-osta”.

Con decorrenza immediata, il possesso dei requisiti per potersi sposare in Ucraina vien dichiarato dai cittadini stranieri unicamente in regime di autocertificazione.

Come evidenziato dalla Direzione centrale, questo implica l’impossibilità per il nubendo italiano di poter escludere con certezza la presenza di impedimenti previsti dal Codice civile. Criticità quest’ultima rafforzata anche dal fatto che la normativa ucraina non prevede l’istituto delle pubblicazioni di matrimonio.


Related Articles

Incentivo per le attività svolte dai dipendenti dall’entrata in vigore dell’art. 13-bis del Dl. n. 90/14 fino a quella del Dlgs. n. 50/16

Nella Delibera n. 177 del 26 ottobre 2017 della Corte dei conti Toscana un Ente, premesso che non ha adottato

Addetto stampa-Portavoce del Comune: diverso inquadramento giuridico e diversa tipologia di contratto

Nella Delibera n. 337 del 12 maggio 2017 della Corte dei conti Veneto, viene richiesto un parere sulla possibilità di affidare,

Oneri di urbanizzazione e finanziamenti esterni: modalità di utilizzo

Nella Delibera n. 70 del 23 settembre 2019 della Corte dei conti Piemonte, un Sindaco ha chiesto un parere sull’interpretazione