“Servizi Demografici”: entro il 19 dicembre 2016 i Comuni devono inviare i dati all’Aire centrale per la predisposizione delle liste elettorali

“Servizi Demografici”: entro il 19 dicembre 2016 i Comuni devono inviare i dati all’Aire centrale per la predisposizione delle liste elettorali

Entro il prossimo 19 dicembre 2016 i Comuni devono trasmettere i dati relativi ai cittadini italiani residenti all’estero iscritti nella propria Anagrafe all’Aire centrale, per consentire la predisposizione delle liste elettorali. A stabilirlo è stato il Ministero dell’Interno – Direzione centrale per i Servizi Demografici, che allo scopo ha diramato la Circolare “urgentissima” n. 20 del 30 novembre 2016.

Come ricordato dalla Direzione centrale, l’obbligo di realizzare un elenco aggiornato dei cittadini italiani residenti all’estero, finalizzato alla predisposizione delle liste, è stato introdotto dall’art. 5, della Legge n. 459/01. Le modalità di raccordo, dal punto di vista informatico, tra le informazioni contenute nelle Anagrafi degli italiani residenti all’estero e quelli registrati negli schedari consolari, sono state disciplinate dall’art. 5, del Dpr. n. 104/03.

In vista del citato invio, il Viminale ha invitato i Comuni a:

  • verificare l’esattezza e la completezza dei dati registrati nelle Aire comunali;
  • procedere tempestivamente alla trattazione delle comunicazioni degli Uffici consolari (iscrizione, variazione, cancellazione) per evitare disallineamenti tra i dati registrati negli Archivi comunali e quelli contenuti negli Schedari consolari;
  • cancellare le posizioni duplicate e gli ultracentenari, per i quali non sia stata fornita la prova di esistenza in vita.

La Direzione centrale ha inoltre enfatizzato l’importanza del corretto utilizzo del campo relativo al diritto di voto. E’ quindi fondamentale che i Comuni si accertino di indicare, per ogni iscritto, se si tratta di un elettore, un cittadino non iscritto nelle liste elettorali, o se invece si è in presenza di un caso di perdita del diritto di voto.


Related Articles

“Split payment” Professionisti: dopo l’abolizione un Ente Parco può accettare solo fatture ad esigibilità immediata?

Il quesito: “Il Dl. n. 87/2018 che abolisce la ‘scissione dei pagamenti’ per le fatture dei Professionisti dal 14 luglio

Società partecipate: non possono affiancare all’attività pubblicistica un’altra prettamente imprenditoriale

  Nella Delibera n. 387 del 6 novembre 2015 della Corte dei conti Lombardia, un Sindaco chiede un parere in

Tari: diramate dal Mef le Linee-guida sull’applicazione dei “costi standard”

Sono state pubblicate sul sito web istituzionale del Mef le Linee Guida sull’applicazione dei “costi standard” nella determinazione delle tariffe