Servizi Demografici: i Comuni devono trasmettere entro il 10 aprile 2021 i dati richiesti dalla Commissione Ue ai fini “Brexit”

Servizi Demografici: i Comuni devono trasmettere entro il 10 aprile 2021 i dati richiesti dalla Commissione Ue ai fini “Brexit”

Con la Circolare n. 11 del 15 marzo 2021, il Ministero dell’Interno-Direzione centrale per i Servizi Demografici, ha fornito Istruzioni operative relative all’attuazione dell’Accordo sul recesso del Regno Unito e dell’Irlanda del Nord dall’Unione Europea (c.d. “Brexit”).

La Circolare prende le mosse dai chiarimenti forniti dalla Commissione Ue in merito all’applicazione dell’Accordo di recesso in questione, specificando in particolare che “una volta acquisito, il diritto di soggiorno permanente si perde soltanto a seguito di assenza dallo Stato membro ospitante di durata superiore a 5 anni consecutivi”, a differenza di quanto previsto dall’art. 16.4 della Direttiva 2004/38/CE sulla libera circolazione UE (2 anni).

Alla luce di ciò, la Commissione Europea ha chiesto di conoscere:

1. il numero (complessivo per Provincia) degli Attestati di iscrizione anagrafica, rilasciati ai sensi dell’art. 18 comma 4, dell’Accordo, dal 1° febbraio 2020 al 26 febbraio 2021;

2. il numero (complessivo per Provincia) degli Attestati di soggiorno permanente rilasciati ai cittadini britannici al 26 febbraio 2021.

I dati di cui sopra dovranno quindi essere trasmessi all’indirizzo servizidemografici.prot@pec.interno.it, entro il 10 aprile 2021. I Comuni dovranno avvalersi, per l’adempimento in commento, del Prospetto allegato alla Circolare in commento.


Related Articles

Ici: esenzione per le “Camere di lavoro”

Nella Sentenza n. 19321 del 18 luglio 2019 della Corte di Cassazione, la questione controversa riguarda l’attività svolta dalle “Camere

Omessa sottoscrizione dell’offerta tecnica: la controfirma sui lembi sigillati della busta che la contiene non è equivalente

Nella Sentenza 11092 del 10 novembre 2016 del Tar Lazio, la controversia riguarda l’aggiudicazione di una gara di appalto ad

Appalti: non censurabile la mancata suddivisione in lotti funzionali in sede di gara

Nella Sentenza n. 917 dell’8 novembre 2016 del Tar Emilia Romagna, è stato impugnato un bando di gara recante procedura

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.