Servizi pubblici locali: non è possibile l’affidamento diretto alle Cooperative sociali

Servizi pubblici locali: non è possibile l’affidamento diretto alle Cooperative sociali

Nella Sentenza n. 637 del 6 luglio 2015 del Tar Emilia Romagna, Bologna, Sezione Seconda, i Giudici emiliani affermano l’illegittimità dell’affidamento diretto del servizio pubblico di “Raccolta rifiuti” ad una Cooperativa sociale ai sensi dell’art. 5 della Legge n. 381/91, in base al quale “gli Enti pubblici, compresi quelli economici, e le Società di capitali a partecipazione pubblica, anche in deroga alla disciplina in materia di contratti della Pubblica Amministrazione”, possono stipulare convenzioni con le Cooperative che svolgono attività agricole, industriali, commerciali o di servizi per la fornitura di beni e servizi diversi da quelli sociosanitari

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Anac: al via il “Regolamento sulla disciplina della partecipazione ai procedimenti di regolazione dell’Autorità”

In data 8 aprile 2015, l’Anac ha adottato il Provvedimento rubricato “Regolamento sulla disciplina della partecipazione ai procedimenti di regolazione

Soccorso istruttorio: non più l’obbligo del pagamento della sanzione nel caso di mancata regolarizzazione

Nella Sentenza n. 1423 del 14 luglio 2016 del Tar Lombardia, i Giudici rilevano che il nuovo “Codice degli Appalti”

Illecito professionale: deve essere valutato anche in relazione a condotte esterne alla procedura di gara

Nella Sentenza n. 3592 dell’11 giugno 2018 del Consiglio di Stato, i Giudici si esprimono sulle condotte significative che hanno