Servizi pubblici locali: novità in materia di smaltimento dei rifiuti

Servizi pubblici locali: novità in materia di smaltimento dei rifiuti

Il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, di concerto con il Mise e con il Ministero della Salute, ha emanato il Decreto 24 giugno 2015, pubblicato sulla G.U. n. 211 dell’11 settembre 2015, che introduce delle novità relative ai criteri di ammissibilità dei rifiuti in discarica.

Il Provvedimento apporta una serie di modifiche al Dm. Ambiente 27 settembre 2010, depennando – ad esempio – gli scarti di ceramica, mattoni, mattonelle e materiali da costruzione dall’elenco dei rifiuti inerti per i quali è consentito lo smaltimento in discarica senza preventiva caratterizzazione.

Si segnala poi che l’art. 1, lett. m), introduce nuove regole per il campionamento e l’analisi dei rifiuti, andando a riscrivere completamente l’Allegato 3 del citato Decreto 27 settembre 2010.

Il Documento specifica che il campionamento e le analisi dei rifiuti devono essere eseguiti da persone e istituzioni indipendenti con comprovata esperienza. Le relative spese sono a carico del detentore dei rifiuti o del gestore della discarica. Questi ultimi possono eseguire direttamente il campionamento e le analisi soltanto nel caso in cui abbiano costituito un appropriato sistema di garanzia della qualità, compreso un controllo periodico indipendente.

L’Allegato 3 illustra nell’ordine:

  1. il metodo di campionamento ed analisi del rifiuto urbano biodegradabile;
  2. l’analisi degli eluati e dei rifiuti;
  3. le modalità di campionamento e analisi dei rifiuti contenenti amianto.

In particolare, rispetto a quest’ultimo delicato processo, sono state integrate le analisi, sia del rifiuto che del particolato aerodisperso contenente amianto. Per ulteriori dettagli si rimanda alla consultazione del testo integrale del Decreto, disponibile qui di seguito.

Decreto 24 giugno 2015


Related Articles

Revisori dei conti: rimborso delle spese di viaggio solo se “effettivamente sostenute”

Nella Delibera n. 329 del 15 ottobre 2015 la Corte dei conti Lombardia si esprime sulla possibilità, per un Comune,

Personale e bilancio: le modalità per predisporre e inviare il Conto annuale per il 2014

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze – Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato, con la Circolare n. 17 del 24

Mobilità Enti di area vasta: al via la seconda fase della ricognizione del personale da ricollocare

Prosegue il percorso avviato dal Dipartimento della Funzione pubblica della Presidenza del Consiglio dei Ministri per portare a termine una