Servizi sociali: via libera al riparto di nuovi fondi per servizi destinati ad anziani e infanzia

Servizi sociali: via libera al riparto di nuovi fondi per servizi destinati ad anziani e infanzia

Con una Nota datata 9 ottobre 2014, il Ministero dell’Interno ha annunciato che sono stati stanziati 393 milioni di Euro per ampliare e consolidare l’offerta di servizi rivolti all’infanzia e agli anziani non autosufficienti.  Il Programma dedicato a questi progetti fa capo al “Piano d’azione Coesione” (Pac) ed è destinato agli Ambiti/Distretti socio-sanitari delle 4 Regioni facenti parte del cosiddetto “Obiettivo convergenza” 2007-2013, vale a dire Campania, Puglia, Calabria e Sicilia.

Quello annunciato è il secondo riparto delle risorse in questione e fa seguito a una precedente assegnazione pari a 250 milioni di Euro.

Ai servizi per l’infanzia (rivolti a bambini fino a 3 anni) saranno destinati 238 milioni di Euro. A quelli per gli anziani non autosufficienti andranno i restanti 155 milioni.

Nei documenti, cioè i due piani sul secondo riparto delle risorse dedicate rispettivamente all’infanzia e agli over 65 – si legge nel Comunicato del Viminale – sono specificate dimensioni e modalità del riparto per ogni Ambito/Distretto di tutte e 4 le regioni, consultabili nelle tabelle allegate agli stessi piani di riparto. Questi ultimi, inoltre, definiscono gli orientamenti strategici e operativi, precisano la tempistica di progettazione e relativa attuazione, indicano le condizioni che gli Ambiti/Distretti devono rispettare per accedere ai fondi e i requisiti/procedure relativi al circuito finanziario, all’acquisizione e rendicontazione delle risorse e al monitoraggio dei progetti. Per la presentazione dei piani di intervento, saranno presto predisposti i formulari e le linee guida”.


Tags assigned to this article:
anzianiinfanziatrasferimenti

Related Articles

Bilancio previsione 2014: Anci Puglia chiede la riapertura dei termini

Con una Nota diffusa dall’Anci il 13 ottobre 2014, si è appreso che Luigi Perrone, Presidente di Anci Puglia, ha inviato

Enti “non virtuosi”: capacità assunzionale

Nella Delibera n. 61 del 7 aprile 2021 della Corte dei conti Sicilia, il Sindaco di un Comune in cui

Debito pubblico italiano: è più basso rispetto alle ultime previsioni economiche ma continua ad essere secondo solo a quello della Grecia

Il debito pubblico italiano nel 2017 si è attestato al 131,8% del Pil, contro il 132% dell’anno precedente e al