Sicurezza stradale: al via lo scambio transfrontaliero di informazioni sulle infrazioni

Sicurezza stradale: al via lo scambio transfrontaliero di informazioni sulle infrazioni

L’Unione europea ha messo la parola “fine” alla guida disinvolta degli stranieri sulle nostre strade e degli italiani all’estero, fiduciosi di farla franca in caso di violazione delle norme stradali non pagando la sanzione comminata in caso di infrazione rilevata dai rispetti Organi “vigilantes”.

Il miglioramento della sicurezza stradale è un obiettivo primario della politica dei trasporti dell’Unione. L’Unione attua una politica tesa a migliorare la sicurezza stradale con l’obiettivo di ridurre il numero delle vittime, dei feriti e dei danni materiali. Un elemento importante di tale politica è l’applicazione coerente delle sanzioni per le infrazioni

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Servizio “Raccolta rifiuti”: è illegittimo l’affidamento diretto ad una Cooperativa

Nella Sentenza n. 637 del 6 luglio 2015 del Tar Emilia Romagna, i Giudici statuiscono l’illegittimità dell’affidamento diretto del servizio

“Spending review”: ripartiti tra Città metropolitane e Province 516,7 milioni di Euro di contributo alla finanza pubblica 

Con il Comunicato 4 maggio 2015, il Ministero dell’Interno – Direzione centrale della Finanza locale, ha informato che sono stati

“Legge Madia”: il commento articolo per articolo della riforma della P.A.

Sono ufficialmente delineati i confini entro i quali il Governo si muoverà per portare a compimento una delle più discusse