Sisma Centro Italia: prorogata fino al 31 dicembre 2020 l’applicabilità delle procedure transitorie nell’ambito del Sistema di qualificazione

Sisma Centro Italia: prorogata fino al 31 dicembre 2020 l’applicabilità delle procedure transitorie nell’ambito del Sistema di qualificazione

L’applicabilità delle procedure transitorie nell’ambito del Sistema di qualificazione previste per Società organismi di attestazione, imprese e stazioni appaltanti del Centro Italia colpite dal sisma del 2016, è stata prorogata fino al 31 dicembre 2020.

A renderlo noto, con il Comunicato del Presidente 27 febbraio 2019 diffuso il 7 marzo 2019 sul proprio sito, è stata l’Autorità nazionale Anticorruzione.

Con il Comunicato 29 marzo 2017, l’Anac aveva fissato tali procedure disponendo che le stesse sarebbero state attuate “sino alla cessazione definitiva del Commissario straordinario del Governo per la ricostruzione nei territori interessati dagli eventi sismici del periodo agosto 2016–gennaio 2017 nelle Regioni Lazio, Marche, Umbria ed Abruzzo”, per ovviare alle gravi difficoltà logistico-amministrative con le quali stanno facendo i conti le Amministrazioni locali colpite dal terremoto.

Posto che la Manovra finanziaria per il 2019 (art. 1, comma 990, della Legge 30 dicembre 2018, n. 145) ha prorogato al 31 dicembre 2020 il termine della gestione straordinaria del Commissario di Governo, il Consiglio dell’Autorità, nel corso dell’adunanza del 27 febbraio 2019, ha deliberato di prorogare parallelamente anche l’ambito temporale durante il quale saranno applicabili le citate procedure transitorie, sino alla cessazione definitiva della gestione Commissariale straordinaria.


Related Articles

Opere pubbliche: al via l’Anagrafe unica delle stazioni appaltanti, reso disponibile il “Manuale utente”

Con il Comunicato 10 gennaio 2014, pubblicato sul proprio sito istituzionale, l’Autorità per la Vigilanza sui contratti pubblici di lavori,

“Legge di bilancio 2018”: testo in via di approvazione al Senato

Dopo l’approvazione della Manovra per l’anno 2018 da parte della Commissione Bilancio del Senato, il testo approda all’esame dell’Aula. Con

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.