“Smart city”: al via il primo Programma di intervento Mise per lo sviluppo di progetti innovativi pubblico-privati

“Smart city”: al via il primo Programma di intervento Mise per lo sviluppo di progetti innovativi pubblico-privati

Con un Comunicato pubblicato il 10 marzo 2016 sul proprio sito istituzionale, il Ministero dello Sviluppo economico ha annunciato l’avvio del primo Programma di intervento per le “Smart city”, la cui dotazione iniziale è pari a 65 milioni di Euro.

Tra gli obiettivi che il Dicastero – guidato da Federica Guidi – si è prefissato ci sono, il rafforzamento della dotazione infrastrutturale delle Città, attraverso “Smart Grid” interconnesse con le infrastrutture di banda larga, e il potenziamento della capacità dell’industria di rispondere ai fabbisogni di servizi innovativi espressi dalle “Smart city”, grazie a quartieri-pilota in cui verranno sperimentate soluzioni non ancora presenti altrove.

Per raggiungere questi obiettivi, il Ministero ha deciso di “puntare su progetti pubblico-privati ben identificati e misurabili, sia nelle risorse occorrenti che nella loro sostenibilità, grazie anche ad un confronto continuo con le Città e con gli stakeholder privati, dedicando iniziali 65 milioni di Euro all’attivazione di 2 specifiche misure: la prima, finalizzata alla promozione di infrastrutture e servizi energetici efficienti e connessi nelle aree urbane; l’altra all’attivazione di appalti pre-commerciali di grandi dimensioni in risposta ai fabbisogni più innovativi espressi dalle amministrazioni”.

Il primo passo del Programma sarà compiuto nelle Città metropolitane, in collaborazione con le quali il Mise individuerà i quartieri-pilota. Il Ministero ha annunciato che avvierà a stretto giro una consultazione con gli operatori privati nei Settori It, Energia e Tlc, finalizzata alla realizzazione condivisa delle “Linee guida” per i progetti.


Related Articles

Opere pubbliche: secondo Anac l’istituto del Contraente generale non funziona

Con una Nota pubblicata sul proprio sito l’Anac ha messo l’accento sull’inefficienza del Contraente generale, figura introdotta per accelerare e

Errore materiale dell’offerta economica: può essere rettificato d’ufficio dall’Amministrazione qualora riconoscibile ex ante

Nella Sentenza n. 35 del 16 gennaio 2020 del Tar Toscana, una Società ha partecipato alla gara indetta da altra

Acquisizione gratuita del bene al patrimonio comunale

Nella Sentenza n. 3330 del 26 maggio 2020 del Consiglio di Stato, i Giudici chiariscono che qualora l’annullamento d’ufficio di