Soccorso istruttorio: non può essere utilizzato per colmare difetti dell’offerta

Soccorso istruttorio: non può essere utilizzato per colmare difetti dell’offerta

Le novità intervenute nell’ultimo anno in materia di appalti pubblici sono state in particolare costituite dall’estensione dell’istituto del “soccorso istruttorio” alla fase delle autodichiarazioni, in sede di ammissione in gara, sui requisiti generali e speciali; tali novità sono costituite dai nuovi commi 2-bis dell’art. 38 e 1-ter dell’art. 46 del “Codice dei Contratti”.

Tali disposizioni escludono la non ammissione in gara per i concorrenti che abbiano reso dichiarazioni incomplete, irregolari o addirittura mancanti, se essenziali, imponendo alla stazione appaltante di sanzionare le carenze (con applicazione di sanzione pecuniaria) e di concedere all’impresa un termine

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Semplificazioni sulla certificazione antimafia: in G.U. il Decreto del Ministero dell’Interno

E’ stato pubblicato in G.U. n. 176 del 29 luglio 2019, il Decreto del Ministero dell’Interno del 15 luglio 2019,

Trasferimenti erariali: confermate le Istruzioni relative alla rendicontazione del “5 per mille” destinato ai Comuni

Con un Comunicato pubblicato il 9 settembre 2020 sul proprio sito istituzionale, il Ministero dell’Interno – Direzione centrale della Finanza

Turn over: l’utilizzo dei residui del triennio precedente è possibile anche per gli Enti non soggetti al Patto

Nella Delibera n. 15 del 13 gennaio 2016 della Corte dei conti Veneto, viene chiesto se un Ente non soggetto