Società “in house”: la responsabilità in caso di mancato esercizio del “controllo analogo” 

Società “in house”: la responsabilità in caso di mancato esercizio del “controllo analogo” 

Allo scopo di voler mettere in evidenza le possibili conseguenze relative al mancato esercizio del “controllo analogo” per gli affidamenti “domestici” (evidentemente illeciti) a persone giuridiche costituite nella veste societaria[1], di seguito si riportano (sinteticamente) alcuni aspetti della Sentenza della Sezione giurisdizionale per la Regione Lazio della Corte dei conti n. 4/2017.

Tale Sentenza condanna il Sindaco, il Segretario generale, il Dirigente dell’Area “Tecnica” e il Dirigente dell’Area “Finanziaria”, a risarcire il Comune di appartenenza, sul presupposto che talune attività (anche omissive) di detti soggetti hanno rappresentato il nesso causale

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

“Oiv”: pronta la procedura informatica per l’iscrizione nell’Elenco nazionale

Dal 10 gennaio 2016 è disponibile, sul “Portale della performance”del sito del Dipartimento della Funzione pubblica, la procedura informatica per

“Federalismo fiscale”: adottata la stima della capacità fiscale 2022 dei Comuni

È stato pubblicato sulla G.U. n. 28 del 3 febbraio 2022 il Decreto Mef 16 dicembre 2021, avente ad oggetto

Mini-investimenti piccoli Comuni: le faq del Viminale su interventi, tempi e controlli

Dopo la pubblicazione del Decreto 10 gennaio 2019 (in attuazione di quanto previsto dall’art. 1, commi 107-111, della Legge n.