Società “in house”: per la Corte d’Appello dell’Aquila non sono fallibili

Società “in house”: per la Corte d’Appello dell’Aquila non sono fallibili

Nella Sentenza n. 304 del 2 marzo 2015 della Corte d’Appello dell’Aquila, i Giudici evidenziano che l’esclusione dalle disposizioni sul fallimento e sul concordato preventivo, prevista per gli Enti pubblici dall’art. 1, comma 1, della “Legge Fallimentare”, deve essere applicata anche alle Società “in house”, le quali sono quelle Società che presentino, sulla base dell’elaborazione della Corte di Giustizia dell’Unione Europea, congiuntamente i seguenti 3 requisiti:

1) natura esclusivamente pubblica dei soci;
2) lo svolgimento dell’attività in prevalenza a favore dei soci stessi;
3) la sottoposizione ad un controllo corrispondente a quello esercitato dagli Enti pubblici

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Società di capitali “in house”: gestione di una concessione di derivazione per uso idroelettrico

Nella Delibera n. 201 dell’11 luglio 2017 della Corte dei conti Lombardia, un Sindaco ha chiesto un parere in merito

Tarsu: motivazione Delibera approvazione tariffe

Consiglio di Stato, Sentenza n. 504 del 3 febbraio 2015 La controversia in esame verte sulla legittimità del Regolamento Tarsu

Tesoreria “unica” e “unica mista”: la disciplina concernente la gestione delle stesse da parte degli Enti Locali

La disciplina concernente la gestione della Tesoreria degli Enti locali ha subìto diversi variazioni nel tempo: dal 2012 è stata