Sopralluogo: la mancata effettuazione comporta l’esclusione dalla gara

Sopralluogo: la mancata effettuazione comporta l’esclusione dalla gara

Nella Sentenza n. 148 del 10 febbraio 2016 del Tar Puglia – Bari, la mancata effettuazione del sopralluogo negli appalti di lavori costituisce legittima causa di esclusione, avendo il suddetto adempimento carattere “essenziale” ed insostituibile ai sensi dell’art. 46, comma 1-bis, del Dlgs. n. 163/06 non sanabile ex art. 38, comma 2-bis del Dlgs. n. 163/06, in quanto funzionale alla conoscenza dei luoghi oggetto dei lavori, conoscenza necessaria al fine di una corretta e seria formulazione dell’offerta.

Pertanto, se un’Impresa risultata aggiudicataria di un appalto pubblico non ha prodotto l’attestazione di avvenuto sopralluogo rilasciata dalla Amministrazione, né dagli atti di gara risulta il conseguimento, da parte della medesima, della menzionata attestazione (espressamente richiesta, a pena di esclusione dal bando di gara), l’aggiudicazione deve essere annullata.

Tar Puglia – Sentenza n. 148 del 10 febbraio 2016


Related Articles

Indebitamento netto P.A.: nel 2016 è stato pari al 2,4% del Pil

Nel 2016 l’indebitamento netto delle Amministrazioni pubbliche (-40.809 milioni di Euro) è stato pari al 2,4% del Pil, in diminuzione

Appalti di lavori: le indicazioni del Viminale sull’inserimento di nuove attività nella lista dei Settori a maggior rischio di infiltrazione mafiosa

Con la Circolare 28 luglio 2020, il Ministero dell’Interno ha fornito chiarimenti in merito all’inserimento di nuove attività nella lista

Tia: è valida la notificazione a mezzo “servizio postale” anche in assenza di relata di notifica

  Nell’Ordinanza n. 22899 del 29 settembre 2017 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità si esprimono in tema