Sostituto d’imposta: costituiscono reddito i rimborsi spese ai dipendenti in smart working, se determinati in modo forfettario

Sostituto d’imposta: costituiscono reddito i rimborsi spese ai dipendenti in smart working, se determinati in modo forfettario

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta n. 328 dell’11 maggio 2021, è intervenuta di nuovo in materia di trattamento fiscale del rimborso spese ai dipendenti in smart working.

Nel caso di specie la Società istante, considerata l’emergenza “Covid-19”, al fine di garantire la continuità dell’attività aziendale ed allo stesso tempo tutelare la sicurezza e la salute del personale in relazione al contenimento del contagio dal virus, ha disposto che i propri dipendenti, dal mese di marzo del 2020, prestassero le loro mansioni presso il proprio domicilio attraverso il ricorso al c.d. smart working semplificato, ossia senza gli

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

“E-fattura”: l’Agenzia delle Entrate fornisce le “istruzioni per l’uso” in vista dei nuovi obblighi che saranno in vigore dal 2019

Per chi diventerà obbligatorio l’uso della fatturazione elettronica a partire dal 1° gennaio 2019 e chi invece è esonerato? Quali

Imu: aggiornati i coefficienti per la determinazione del valore degli immobili non iscritti in Catasto classificabili nel Gruppo catastale “D”

È stato pubblicato sul sito web istituzionale del Mef il Decreto 10 giugno 2020 il quale, composto da un unico

Le penali applicate nell’ambito di un contratto di appalto non possono essere contestate dinanzi al Tar

L’Impresa che intenda contestare il fondamento o la quantificazione delle penali applicate da un Ente non può rivolgersi al Tar,

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.