Sostituto d’imposta: esclusi da ritenuta i contributi erogati a prestatori di lavoro autonomo occasionale per fronteggiare l’emergenza “Covid-19”

Sostituto d’imposta: esclusi da ritenuta i contributi erogati a prestatori di lavoro autonomo occasionale per fronteggiare l’emergenza “Covid-19”

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta n. 273 del 20 aprile 2021, ha dato chiarimenti in ordine al trattamento fiscale dei contributi erogati dalla Regione in favore di Lavoratori parasubordinati e Lavoratori autonomi, ai sensi degli artt. 6 e 50, comma 1, lett. c-bis), del Tuir, e dell’art. 10-bis del Dl. n. 137/2020 (“Decreto Ristori”, vedi l’articolo).

La Regione istante ha introdotto una misura di sostegno dedicata a lavoratori autonomi e parasubordinati. In particolare, tale misura è finalizzata a sostenere i Lavoratori autonomi privi di Partita Iva che intendono avviare un percorso di orientamento alla ricerca del lavoro, ricollocazione e riqualificazione potenziando le proprie competenze professionali.

Tenuto conto che il citato art. 10-bis prevede la detassazione di contributi, di indennità e di ogni altra misura a favore di Imprese e Lavoratori autonomi relativi all’emergenza “Covid-19”, la Regione ha chiesto se possa essere detassata l’indennità regionale in questione, nei confronti dell’intera platea dei percettori.

Sul punto, l’Agenzia delle Entrate ha ricordato i contenuti dell’art. 6, comma 1, del Tuir (Dpr. n. 917/1986) ed in particolare il comma 2, secondo cui “i proventi conseguiti in sostituzione di redditi, anche per effetto di cessione dei relativi crediti, e le indennità conseguite, anche in forma assicurativa, a titolo di risarcimento di danni consistenti nella perdita di redditi, esclusi quelli dipendenti da invalidità permanente o da morte, costituiscono redditi della stessa categoria di quelli sostituiti o perduti”.

Tale disciplina generale può essere oggetto di deroga ad opera del Legislatore, che può prevedere specifiche diposizioni tese ad escluderne l’applicazione. Ad esempio, nell’ambito dell’emergenza “Covid-19”, il Dl. n. 18/2020 all’art. 27 riconosce ai Liberi professionisti titolari di Partita Iva attiva alla data del 23 febbraio 2020 e ai Lavoratori titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa attivi alla medesima data, iscritti alla “Gestione separata” di cui all’art. 2, comma 26, della Legge n. 335/1995, non titolari di pensione e non iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie, un’indennità per il mese di marzo 2020, pari a Euro 600, che non concorre alla formazione del reddito imponibile ai fini Irpef.

Ciò considerato, l’art. 10-bis del Dl. n. 137/2020, convertito con modificazioni dalla Legge n. 176/2020 (“Decreto Ristori”, vedi l’articolo), ha previsto che “i contributi e le indennità di qualsiasi natura erogati in via eccezionale a seguito dell’emergenza epidemiologica da ‘Covid-19’ e diversi da quelli esistenti prima della medesima emergenza, da chiunque erogati e indipendentemente dalle modalità di fruizione e contabilizzazione, spettanti ai soggetti esercenti impresa, arte o professione, nonché ai lavoratori autonomi, non concorrono alla formazione del reddito imponibile ai fini delle Imposte sui redditi e del valore della produzione ai fini dell’Imposta regionale sulle attività produttive (Irap) e non rilevano ai fini del rapporto di cui agli artt. 61 e 109, comma 5, del Tuir, di cui al Dpr. n. 917/1986”.

Con tale disposizione, il Legislatore ha riconosciuto ai contributi di “qualsiasi natura” erogati, in via eccezionale a seguito dell’emergenza epidemiologica “Covid-19”, “da chiunque” e “indipendentemente dalle modalità di fruizione”, la non concorrenza a tassazione in considerazione della finalità dell’aiuto economico di contrastare gli effetti negativi conseguenti dall’emergenza epidemiologica da “Covid-19”.

Con riferimento ai soggetti destinatari del regime fiscale di favore, la norma individua “i soggetti esercenti impresa, arte o professione, nonché i lavoratori autonomi”. Al riguardo, l’Agenzia ha ritenuto che con tale locuzione il Legislatore abbia voluto riconoscere il beneficio fiscale in esame, non solo a coloro che siano titolari di un reddito di lavoro autonomo professionale, ovvero a coloro che esercitano un’arte e una professione, ma più in generale “ai Lavoratori autonomi”, ovvero ai soggetti che svolgono un’attività di lavoro senza vincolo di subordinazione e, conseguentemente, titolari di reddito di lavoro autonomo, sia esso assimilato o occasionale.

In base a tali considerazioni, pertanto, in relazione al caso in esame, l’Agenzia ha ritenuto che il contributo che la Regione istante erogherà non rileverà fiscalmente nei confronti dei Lavoratori autonomi senza Partita Iva, con contratto di lavoro occasionale o con contratto di cessione del diritto d’autore, anche non iscritti alla “Gestione separata” perché esonerati.

Diversamente, per i Lavoratori con contratto di collaborazione e per i Lavoratori parasubordinati iscritti alla “Gestione separata” (quali collaboratori coordinati e continuativi/lavoratori a progetto), non può applicarsi il regime di esenzione previsto dall’art. 10-bis sopra citato. Dal punto di vista fiscale, tra l’altro, tali ultime tipologie contrattuali generano reddito assimilato a quello di lavoro dipendente, ai sensi dell’art. 50, comma 1, lett. c-bis), del Tuir. Conseguentemente, la Regione in sede di erogazione del beneficio economico a tali soggetti sarà tenuta ad operare la ritenuta a titolo di acconto Irpef.


Related Articles

Imposte: per il Mef l’evasione è pari a circa 91 miliardi l’anno

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha stimato in circa 91 miliardi di Euro (circa il 7% del Pil) l’ammontare

Ufficio legale: non può essere posto alle dirette dipendenze del Segretario comunale se privo del titolo di Avvocato

Nella Sentenza n. 486 del 16 febbraio 2015 del Tar Lombardia, i Giudici hanno affermato che è illegittima la Delibera

Varianti in corso d’esecuzione: presupposti legittimanti

Nella Delibera n. 1203 del 23 novembre 2016 dell’Anac, un’azienda ha richiesto un parere in ordine ad un appalto per

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.