Sostituto d’imposta: istituito il nuovo codice-tributo per il versamento delle ritenute sui redditi da lavoro dipendente e assimilati

Sostituto d’imposta: istituito il nuovo codice-tributo per il versamento delle ritenute sui redditi da lavoro dipendente e assimilati

Con la Risoluzione n. 13 del 17 marzo 2016, l’Agenzia delle Entrate ha razionalizzato e ridenominato alcuni codici-tributo per i versamenti, con i Modelli “F24” e “F24EP”, che interessano i sostituti d’imposta.

In particolare, allo scopo di semplificare gli adempimenti posti a carico dei sostituti d’imposta, sono stati rivisti e accorpati i codici relativi ai versamenti delle ritenute operate ai sensi degli artt. 23, 25-bis e 29 del Dpr. n. 600/73 e delle somme trattenute ai sensi dell’art. 50 del Dlgs. n. 446/97.

La Tabella diffusa dall’Amministrazione finanziaria reca, nella parte sinistra, i vecchi codici che saranno soppressi a partire dal 1° gennaio 2017, e in quella destra quelli nuovi che entreranno in vigore a partire da quel momento.

Per quanto riguarda i Comuni si segnala che al posto del Codice “111E” – “Ritenute su conguaglio effettuato nei primi due mesi dell’anno successivo”, a partire dal 2017 si dovrà utilizzare il nuovo codice-tributo “100E” – “Ritenute sui redditi da lavoro dipendente e assimilati”.

Risoluzione AE 13e del 17 marzo 2016


Related Articles

Imposte di registro e ipocatastali agevolate: non costituisce “atto preordinato alla trasformazione del territorio” il mero consenso

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta n. 11 del settembre 2018 ad una Istanza di Interpello, ha fornito chiarimenti in

“F24 Enti Pubblici”: aggiornata la Tabella dei codici-tributo

Con Nota pubblicata sul proprio sito l’8 gennaio 2016, l’Agenzia delle Entrate comunica la pubblicazione della versione aggiornata della Tabella

Fatturazione elettronica: al via il nuovo formato “FatturaPA”, valido sia per le interazioni con la P.A. che tra privati

Con un Comunicato congiunto diramato l’11 novembre 2016, l’Agenzia delle Entrate e l’Agenzia per l’Italia digitale (Agid), hanno reso noto