“Spending review”: Cottarelli, “8.000 Comuni sono troppi, necessario ridurli”

“Spending review”: Cottarelli, “8.000 Comuni sono troppi, necessario ridurli”

Riduzione del numero dei Comuni e istituzione di meccanismi che incentivino alla fusione gli Enti Locali: questa la strada da percorrere secondo il Commissario straordinario per la “spending review” Carlo Cottarelli per razionalizzare la spesa relativa agli Enti Locali ed ottimizzarne i servizi.

Cattura

Credo che 8.000 Comuni in Italia siano troppi – ha detto rispondendo ad alcune domande postegli nel corso di un’Audizione parlamentare tenutasi ieri mattina presso la Commissione parlamentare di vigilanza sull’anagrafe tributaria – si dovrebbe pensare a una riduzione. Renderebbe più facile il coordinamento fra gli Enti Locali”. Secondo il Commissario – ormai uscente – sarebbe opportuno elaborare dei “meccanismi premiali”simili a quelli immaginati per incentivare le Società partecipate a mettersi insieme.

Per consentire la riduzione delle P.A. e rilanciare l’economia, Cottarelli ha inoltre suggerito agli Enti di “investire” per “risparmiare”. L’esempio portato a sostegno di ciò è il lavoro condotto dallo stesso Commissario con il Ministero dello Sviluppo economico sul tema dell’efficientamento dell’illuminazione delle strade. “Certo, ci sono stati degli investimenti – ha detto – ma il rendimento è tale che si ripagheranno in un paio d’anni”. Per superare lo scoglio – non certo banale – del reperimento delle risorse per gli investimenti iniziali, il Commissario ha invitato a considerare la possibile soluzione del “partenariato pubblico-privato”.


Tags assigned to this article:
comuniCottarellispending review

Related Articles

Iva: aliquota del 10% per le verifiche obbligatorie sugli Impianti a destinazione abitativa privata, in quanto equiparate alle manutenzioni

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta n. 11 del 9 novembre 2020, integrando la Risposta n. 18 del 2019, ha

“Whistleblowing”: inviate all’Anac 607 segnalazioni telematiche in un anno, oltre 130 quelle inoltrate alle Procure o alla Corte dei conti

Un totale di 607 segnalazioni di condotte illecite ricevute, 63 delle quali sono state inviate alle competenti Procure della Repubblica

“Servizi Demografici”: entro il 18 dicembre 2015 i Comuni devono inviare i dati all’Aire centrale per la predisposizione delle liste elettorali

Entro il prossimo 18 dicembre i Comuni devono trasmettere i dati relativi ai cittadini italiani residenti all’estero iscritti nella propria