Spesa di personale: i chiarimenti della Sezione Autonomie alla luce delle novità introdotte dalla riforma della contabilità

Spesa di personale: i chiarimenti della Sezione Autonomie alla luce delle novità introdotte dalla riforma della contabilità

Nella Delibera n. 16 del 5 maggio 2016 della Corte dei conti Autonomie, le questioni proposte dalle Sezioni remittenti sono incentrate sulla interpretazione delle vigenti disposizioni di contenimento della spesa del personale, anche alla luce dell’evoluzione ordinamentale intervenuta per effetto del Dlgs. n. 118/11. In particolare, esse sono articolate nei seguenti termini:

1) se sia possibile riconoscere natura programmatoria e non immediatamente precettiva alla disposizione dell’art. 1, comma 557, lett. a), b) e c) della Legge n. 296/06, con la conseguenza di non ritenere ostativo alla possibilità di assunzione, fermo il rispetto degli altri vincoli di finanza pubblica, l’aver conseguito

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Appalti: è illegittimo fissare una soglia di ribasso massimo sul prezzo

Nella Sentenza n. 2912 del 28 giugno 2016 del Consiglio di Stato, i Giudici si esprimono sull’illegittimità di una norma

Durc e autocertificazione: non si applica l’invito alla regolarizzazione e la verifica va effettuata alla data della dichiarazione

Tar Sicilia, Palermo, Sezione III, Sentenza n. 660 del 12 marzo 2015 La procedura di regolarizzazione contributiva prevista dall’art. 7,

“Fondo risorse decentrate” anni 2000-2010: modalità di recupero delle somme stanziate in eccesso

  Nella Delibera n. 6 del 27 gennaio 2016 della Corte dei conti Toscana, la richiesta di parere riguarda numerosi