Spesa di personale: esclusione per coloro che rientrano nelle “categorie protette” ammissibile solo per chi rientra in quota d’obbligo

Spesa di personale: esclusione per coloro che rientrano nelle “categorie protette” ammissibile solo per chi rientra in quota d’obbligo

Nella Delibera n. 64 del 28 maggio 2018 della Corte dei conti Piemonte, viene chiesto un parere sulla corretta determinazione del limite di spesa di personale per il Comune in questione, ed in particolare:

– se le spese per il personale appartenente alle “categorie protette” debbano essere escluse anche quando riferite a personale non rientrante nella quota d’obbligo riservata alle categorie protette;

– se la minore spesa derivante dal trasferimento o cessazione del personale appartenente alle “categorie protette” possa essere utilizzato, nei limiti delle norme vigenti, per la sostituzione del personale trasferito o cessato.

La Sezione afferma che, nel calcolo delle spese di personale ai fini della verifica del rispetto dei limiti di spesa per l’Ente, l’esclusione delle spese per il personale appartenente alle “categorie protette” è ammissibile solo quando le stesse siano riferite a soggetti rientranti nella quota d’obbligo ad essi riservata.

E, nel caso di trasferimento o cessazione di personale appartenente alle “categorie protette” assunte al di fuori della predetta quota d’obbligo, la conseguente minor spesa può essere utilizzata per la sua sostituzione soltanto negli ordinari limiti delle norme vigenti.


Related Articles

Tfr, Tfs e trattamenti pensionistici: effetti delle disposizioni della “Legge di stabilità 2015”

Con la Circolare 17 settembre 2015, n. 154, l’Inps ha fornito chiarimenti in merito agli effetti sul Tfs (Trattamento fine

Uffici unici Avvocatura Enti Locali: “no” alle Convenzioni aperte con possibilità di adesione successiva

Nella Sentenza n. 1608 del 26 agosto 2016 del Tar Lombardia, la questione di diritto centrale per la soluzione della

Lavori pubblici: lo scostamento tra tasso d’inflazione reale e programmato nel 2015 è stato inferiore al 2%

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 78 del 4 aprile 2016 il Decreto 24 marzo 2016 del Ministero delle Infrastrutture

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.