Spesa personale: nessuna esclusione per i costi sostenuti per il dipendente rientrato a seguito del mandato elettivo

Spesa personale: nessuna esclusione per i costi sostenuti per il dipendente rientrato a seguito del mandato elettivo

Nella Delibera n. 250 del 20 novembre 2014 della Corte dei conti Toscana, un Sindaco ha chiesto un parere circa la possibilità di non computare, nell’ammontare delle spese rilevanti ai fini del rispetto dei criteri previsti dall’art. 1, comma 557, della Legge n. 296/06, per l’anno 2014, i costi della retribuzione e relativi oneri riflessi, riferiti ad un dipendente rientrato in servizio dopo un periodo di aspettativa per mandato elettivo. La Sezione ritiene che rimanga preclusa la possibilità, prospettata dall’Ente in via interpretativa, di considerare nell’anno 2014 un importo inferiore a quello della spesa effettivamente sostenuta (omettendo di calcolarvi l’ulteriore quota retributiva determinata dal sopravvenuto rientro del dipendente), dal momento che tale comportamento sarebbe del tutto equivalente a quello già confutato dalla Sezione delle Autonomie con la Delibera n. 25/14.


Related Articles

Gestioni associate: Anci: “Ripartire dai Comuni per ridisegnare la governance locale”

Centralità dei Comuni nel processo di ridefinizione dell’assetto del governo locale: a chiederlo compatti sono Dimitri Tasso, Coordinatore nazionale Anci

Limiti al lavoro flessibile: si applicano anche per le sostituzioni temporanee di personale

Nella Delibera n. 121 del 13 aprile 2015 della Corte dei conti Campania, la Sezione statuisce che presso l’Ente in

Rifacimento di un piccolo Ponte su strada comunale: è possibile applicare l’aliquota Iva al 10% ?

Il testo del quesito: “Dovendo procedere con il rifacimento totale di un piccolo Ponte su strada comunale consistente nella demolizione