Spesa per Servizio di “Trasporto scolastico”: la sua copertura deve avvenire mediante i corrispettivi versati dai fruitori del Servizio

Spesa per Servizio di “Trasporto scolastico”: la sua copertura deve avvenire mediante i corrispettivi versati dai fruitori del Servizio

Nella Delibera n. 46 del 6 giugno 2019 della Corte dei conti Piemonte, un Comune chiede un parere sulla copertura della spesa del Servizio di “Trasporto scolastico” in relazione all’entità delle quote di partecipazione finanziaria a carico dell’utenza. La Sezione, per prima cosa, afferma che il Servizio di “Trasporto scolastico” è un “servizio pubblico” di trasporto escluso dalla disciplina normativa dei “servizi pubblici a domanda individuale”. Inoltre, la Sezione chiarisce che l’Ente è tenuto, in sede di copertura, alla stretta osservanza delle disposizioni dell’art. 117 del Dlgs. n. 267/2000 (Tuel), vale a dire che, per il Principio dell’equilibrio ex ante tra costi e risorse a copertura, l’erogazione del “servizio pubblico” deve avvenire in equilibrio, circostanza che presuppone un’efficace rappresentazione dei costi ed una copertura nel rispetto dei criteri generali di cui alla norma del Tuel. In tal modo l’erogazione del servizio, non solo non può essere gratuita per gli utenti, ma la sua copertura deve avvenire mediante i corrispettivi versati dai richiedenti il Servizio. Ciò anche alla luce della nuova connotazione conferita dall’art. 5, comma 2 del Dlgs. n. 63/2017, a mente del quale gli Enti Locali “assicurano il trasporto delle alunne e degli alunni delle Scuole primarie statali per consentire loro il raggiungimento della più vicina sede di erogazione del Servizio scolastico. Il Servizio è assicurato su istanza di parte e dietro pagamento di una quota di partecipazione diretta, senza nuovi o maggiori oneri per gli Enti territoriali interessati”. Il Dlgs. n. 63/2017 non ha inciso nell’ambito delineato in via generale dalle menzionate disposizioni del Tuel ed anzi ha introdotto una disciplina specifica, che si innesta nell’ampio perimetro disciplinato dall’art. 112 del Tuel, il quale attribuisce agli Enti la gestione dei “servizi pubblici” che abbiano per oggetto la produzione di beni e delle attività rivolte a realizzare fini sociali e a promuovere lo sviluppo economico e civile delle comunità locali. Ma soprattutto il richiamato art. 5 del Dlgs. n. 63/2017 prevede una espressa clausola di invarianza finanziaria, richiedendo che il Servizio di “Trasporto scolastico” vada realizzato “senza determinare nuovi e maggiori oneri per gli Enti territoriali” e dietro pagamento di una quota di partecipazione diretta da parte dell’utenza quale corrispettivo della prestazione ricevuta.

Corte dei Conti Piemonte – Delibera n. 46 del 2019


Related Articles

Tari: aggiornati i coefficienti per il calcolo dei costi d’uso del capitale nel Pef 2022-2025

È stata pubblicata sul sito web istituzionale di Arera la Deliberazione n. 68/2022/R/Rif, rubricata “Valorizzazione dei parametri finanziari alla base

Elezioni amministrative 2018: pubblicato il Vademecum Anci volto a supportare i Comuni coinvolti

In vista delle imminenti Consultazioni elettorali, che interesseranno oltre 700 Comuni, l’Associazione nazionale dei Comuni italiani ha diffuso il “Vademecum

Processo tributario: prescrizione rimborso canoni indebitamente pagati

Nell’Ordinanza n.1998 del 29 gennaio 2020 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità affermano che il diritto al rimborso

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.