“Spesometro”: la scadenza di quello relativo al II semestre 2017 rinviata al 6 aprile 2018, così come eventuali rettifiche senza sanzioni

“Spesometro”: la scadenza di quello relativo al II semestre 2017 rinviata al 6 aprile 2018, così come eventuali rettifiche senza sanzioni

In data 5 febbraio 2018 è stato sottoscritto il Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate – già diffuso in bozza lo scorso 19 gennaio, al cui commento si rinvia non essendo state apportate modifiche sostanziali alla versione definitiva – da cui decorrono 60 giorni per la Comunicazione dei dati delle fatture del secondo semestre 2017 (c.d. “Spesometro”), nonché per la trasmissione telematica opzionale dei dati delle fatture emesse e ricevute e per le relative variazioni, con scadenza quindi posticipata dal 28 febbraio al 6 aprile 2018.

Ricordiamo anche in questa sede che, tra le nuove misure, finalizzate ad alleggerire gli adempimenti per Imprese, Enti e Professionisti, vengono semplificate e ridotte le informazioni richieste, diventa possibile comunicare i dati riepilogativi per le fatture emesse e ricevute di importo inferiore ad 300 Euro, è ora facoltativa la scelta di trasmettere i dati con cadenza trimestrale o semestrale.

Le nuove regole possono essere utilizzate anche per inviare le Comunicazioni integrative di quelle errate riferite al primo semestre 2017. I contribuenti che intendono continuare ad utilizzare il software di mercato usato per predisporre la Comunicazione del primo semestre 2017, possono continuare a trasmettere i dati secondo le precedenti regole. Per agevolare i contribuenti e gli Intermediari, l’Agenzia delle Entrate mette a disposizione sul proprio sito internet 2 pacchetti software gratuiti: uno per il controllo dei file delle comunicazioni, e uno per la loro compilazione.


Related Articles

Valorizzazione e vendita immobili pubblici: determinate le modalità per l’attribuzione ai Comuni di una quota-parte dei proventi

Con il Decreto Mef 7 agosto 2015, pubblicato sulla G.U. n. 215 del 16 settembre 2015, sono state fissate le

Armonizzazione: una proposta di “piano di lavoro” per rendere più agevole agli Enti Locali l’avvio della riforma della contabilità

Premessa Come ci viene esplicitamente ricordato nella Relazione illustrativa allo Schema di decreto legislativo recante “Disposizioni integrative e correttive del

Cassa Depositi e Prestiti: al via la rinegoziazione dei mutui contratti da Province e Città metropolitane

Con un Comunicato del 5 aprile 2016, la Cassa Depositi e Prestiti ha annunciato l’avvio di una nuova operazione di