“Spesometro”: nuove lettere dall’Agenzia delle Entrate per favorire l’adempimento spontaneo in caso di incongruenze

“Spesometro”: nuove lettere dall’Agenzia delle Entrate per favorire l’adempimento spontaneo in caso di incongruenze

Con il Provvedimento dell’Agenzia delle Entrate 8 novembre 2017, Prot. n. 251544, “prendono forma” le nuove lettere dell’Agenzia delle Entrate contenenti eventuali incongruenze riscontrate in seguito al confronto tra il “volume d’affari” riportato in Dichiarazione Iva e gli importi delle fatture emesse e ricevute comunicate con lo “Spesometro”, di cui all’art. 21, Dl. n. 78/10 .

Le nuove lettere hanno chiaramente lo scopo di favorire l’adempimento spontaneo degli obblighi tributari in attuazione dell’art. 1, comma 636, della “Legge di stabilità 2015”.

Il contribuente sarà quindi in grado di fornire “elementi, fatti e circostanze” non conosciuti dall’Agenzia utili a chiarire l’anomalia rilevata.

I contribuenti interessati riceveranno al proprio indirizzo Pec la lettera contenente le informazioni utili a identificare l’anomalia, riguardante precisamente:

  • il codice fiscale, denominazione, cognome e nome del contribuente;
  • il numero identificativo della comunicazione e l’anno d’imposta oggetto di presunta incongruenza;
  • codice dell’atto;
  • la somma delle operazioni comunicate con lo “Spesometro” ai sensi dell’art. 21, del Dl. n. 78/10;
  • le modalità di consultazione dei dati di dettaglio relativi all’anomalia riscontrata;

La medesima comunicazione di cui sopra con le relative informazioni di dettaglio è consultabile da parte del contribuente anche all’interno del proprio “Cassetto fiscale” in cui sono resi disposizioni altresì i seguenti dati:

  • il protocollo identificativo e la data di invio della Dichiarazione Iva riferita al periodo d’imposta oggetto di comunicazione, nella quale le “operazioni attive” risultano parzialmente o totalmente omesse;
  • la somma algebrica dell’ammontare complessivo delle “operazioni attive” nel Quadro “VE” della Dichiarazione Iva;
  • l’ammontare delle operazioni attive che non risulterebbero riportate nel Modello di Dichiarazione Iva;

Il destinatario della comunicazione, in seguito ad opportune valutazioni, può comunicare all’Agenzia delle Entrate, sempre tramite indirizzo Pec, “eventuali elementi, fatti e circostanze” in grado di spiegare le incongruenze emerse.

La correzione o integrazione di errori ed omissioni può avvenire beneficiando della riduzione delle sanzioni in ragione del tempo trascorso dalla commissione delle violazioni stesse secondo le modalità previste dall’istituto del “ravvedimento operoso” di cui all’art. 13 del Dlgs. n. 472/97. Tale comportamento è consentito a prescindere dall’inizio di eventuali ispezioni, verifiche o altre attività amministrative di controllo, salvo i casi di notifica di atto di liquidazione, di accertamento o avviso bonario.


Related Articles

Cassazione: il Sindaco si deve astenere dallo svolgere la propria professione in conflitto con il proprio mandato

Nella Sentenza n. 14764 del 19 luglio 2016 della Corte di Cassazione, è stato respinto il ricorso di un Sindaco

Trasferimenti: al via il conguaglio del contributo spettante ai Comuni a seguito dell’abolizione della seconda rata Imu

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 271 del 21 novembre 2014, S.O. n. 88, il Decreto emanato dal Mef di

La Sentenza n. 18 del 14 febbraio 2019 della Corte Costituzionale e il “Decreto Crescita”

Dopo la Sentenza della Corte Costituzionale 14 febbraio 2019, n. 18, che ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’art. 1, comma 714,