“Spid”: entro dicembre il rilascio delle prime “identità digitali”

“Spid”: entro dicembre il rilascio delle prime “identità digitali”

Con un Comunicato diramato il 28 luglio 2015, la Presidenza del Consiglio dei Ministri ha annunciato l’emanazione dei 4 Regolamenti tecnici che consentiranno l’avvio del “Sistema pubblico di identità digitale” (Spid).

Il Sistema è una delle “colonne portanti” della c.d. “Agenda digitale”: l’obiettivo è consentire a cittadini e imprese di accedere con un’unica identità digitale, in maniera semplice e sicura, ai servizi telematici della Pubblica Amministrazione e dei privati che aderiranno.

L’identità Spid – si legge – è costituita da credenziali erogate dagli identity provider o gestori di identità digitale, Aziende che rispondono alle caratteristiche definite dai Regolamenti tecnici e che dal 15 di settembre 2015 potranno fare richiesta di accreditamento all’Agenzia per l’Italia digitale. Cittadini e imprese saranno liberi di scegliere il gestore di identità che preferiscono poiché tutti applicheranno le regole di gestione definite da AgID”.

L’Esecutivo ha annunciato che entro il prossimo dicembre “verranno rilasciate le prime identità digitali a cittadini e imprese”. Le prime P.A. che consentiranno l’accesso ai propri servizi attraverso questo sistema saranno: l’Agenzia delle Entrate, l’Inail, l’Inps e le Regioni Piemonte, Friuli Venezia e Giulia, Emilia Romagna, Liguria, Toscana e Marche.

Nel giro di 2 anni lo Spid sarà esteso a tutta la Pubblica Amministrazione.


Related Articles

Ministro Giannini: “Comuni siano interlocutori sempre più attivi, portatori di responsabilità educativa”

Oltre 7 miliardi di Euro messi in campo per finanziare più di 30.000 interventi di edilizia scolastica e 400 Istituti

Iva: possibilità di compensare la quota di compartecipazione per il pagamento

Nella Delibera n. 195 del 13 novembre 2014 della Corte dei conti Molise, la richiesta di parere trae origine dall’obbligo

Ici: non tassabile il fabbricato accatastato come unità collabente

Nell’Ordinanza n. 7653 del 28 marzo 2018 della Corte di Cassazione, un contribuente riceveva da un Comune due avvisi di