“Split payment”: la Corte Costituzionale dichiara inammissibile il ricorso presentato dalla Regione Veneto

“Split payment”: la Corte Costituzionale dichiara inammissibile il ricorso presentato dalla Regione Veneto

Corte Costituzionale – Sentenza n. 145 del 16 giugno 2016

 

Con Sentenza n. 145 del 16 giugno 2016, la Corte Costituzionale ha dichiarato inammissibili i ricorsi presentati dalla Regione Veneto in merito al meccanismo dello “split payment”.

In particolare, la Regione Veneto aveva impugnato il comma 629, lett. b), dell’art. 1 della “Legge di stabilità 2015”, introduttivo dell’ormai noto art. 17-ter, del Dpr. n. 633/72, relativo al meccanismo dello “split payment“ ed i successivi commi 632 e 633.

Il comma 632, art. 1, “Legge di stabilità 2015”, sul presupposto

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Il “Programma di razionalizzazione delle partecipate locali”elaborato dal Commissario straordinario in attuazione del Dl. n. 66/14: contenuti e prime riflessioni

Nel mese di agosto sono stati resi noti i contenuti del “Programma di razionalizzazione delle partecipate locali” messo a punto

Appalti: la valutazione sul precedente penale dell’Impresa dev’essere motivata

L’Impresa che partecipa alla procedura di gara dev’essere, ed è noto, in possesso dei requisiti generali di moralità professionale; in

Spese di degenza e equo indennizzo: entro il 31 marzo i Comuni possono presentare domanda di rimborso

La Direzione centrale della Finanza locale del Ministero dell’Interno, con la Circolare n. 6 del 14 febbraio 2020 ha stabilito