Sport: in G.U. il Dlgs. n. 36/2021 che riscrive la disciplina degli Enti dilettantistici e professionistici

Sport: in G.U. il Dlgs. n. 36/2021 che riscrive la disciplina degli Enti dilettantistici e professionistici

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 67 del 18 marzo 2021 il Dlgs. 28 febbraio 2021, n. 36, attuativo dell’art. 5 della Legge-delega 8 agosto 2019, n. 86 e recante la nuova disciplina degli Enti sportivi dilettantistici e professionistici.

Il Provvedimento – in vigore dal 2 aprile 2021 – si pone, tra gli altri, l’obiettivo di promuovere la diffusione dell’attività sportiva, vista come strumento di miglioramento della qualità della vita e di tutela della salute, nonché quale mezzo di coesione territoriale.

Il Titolo II del Dlgs. identifica gli Enti sportivi dilettantistici e professionistici e disciplina in particolare:

– le Associazioni e Società sportive dilettantistiche;

– le Società sportive professionistiche.

La promozione dell’attività motoria, dell’esercizio fisico strutturato e dell’attività fisica professionale e dilettantistica sarà perseguita anche attraverso il sostegno e la tutela del Volontariato sportivo.

Di particolare interesse per i dipendenti degli Enti Locali è l’art. 25, riferito al “Lavoratore sportivo”, ed in particolare il comma 6, in base al quale “i lavoratori dipendenti delle Amministrazioni pubbliche di cui all’art. 1, comma 2, del Dlgs. n. 165/2001, possono prestare la propria attività nell’ambito delle Società e Associazioni sportive dilettantistiche fuori dall’orario di lavoro, fatti salvi gli obblighi di servizio, previa comunicazione all’Amministrazione di appartenenza. A essi si applica il regime previsto per le prestazioni sportive amatoriali di cui all’art. 29”.


Related Articles

Ministero Ambiente: criteri ambientali minimi per la sostenibilità dei consumi della P.A.

È stato pubblicato sulla G.U n. 23 del 28 gennaio 2017 il Decreto 11 gennaio 2017 del Ministero dell’Ambiente e

Estinzione di una Ipab: il personale può essere assorbito dal Comune solo se ha superato un concorso pubblico

Nella Delibera n. 4 del 4 febbraio 2016 della Corte dei conti Autonomie, la Sezione è chiamata ad analizzare una

Città metropolitane: via libera all’assegnazione di spazi per il cofinanziamento dei Programmi Ue

Con il Comunicato 20 novembre 2015, l’Anci ha reso noto che “sono state soddisfatte al 100% le richieste avanzate dai

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.