Tari: categorizzazione dell’attività di gestione dei residui gassosi

Tari: categorizzazione dell’attività di gestione dei residui gassosi

Nell’Ordinanza n. 37066 del 26 novembre 2021 della Corte di Cassazione, la Suprema Corte rileva che, in tema di inquinamento atmosferico, gli effluenti gassosi destinati ad essere immessi nell’atmosfera al termine di attività produttive, direttamente o previa combustione, non costituiscono rifiuto e ad essi si applica la disciplina prevista dalla Parte V del Dlgs. n. 152/2006, salvo che si tratti di sostanze gassose che, ai fini dello smaltimento, siano immesse, da sole o insieme ad altra sostanza, in contenitori ovvero si tratti di effluenti gassosi che vengono stoccati e smaltiti a mezzo di impianto indipendente rispetto a quello ove sono stati generati nel corso dell’attività produttiva.

In particolare, i Giudici di legittimità precisano che in via generale l’attività produttiva può dare origine anche a “rifiuti” allo stato gassoso, cioè a sostanze aeriformi che debbono essere stoccate e quindi trattate in vista di opportune forme di smaltimento, deponendo in tal senso la circostanza che gli allegati alla Direttiva 75/442/CEE ed al Dlgs. n. 22/1997 ed il cosiddetto “catalogo europeo” dei rifiuti contemplino sostanze gassose, ma ciò avviene solo con riferimento a quelle sostanze gassose che, sole o con sostanze liquide, sono immagazzinate all’interno di contenitori. In altri termini ed a titolo di esempio, secondo la Suprema Corte un accumulo di bombole da riscaldamento che ancora contengono gas e siano destinate ad essere smaltite possono certamente considerarsi come contenitori di un “rifiuto” ancorché allo stato gassoso.

In conclusione, l’attività di bonifica delle bombole e dei serbatoi di gas, cioè il loro svuotamento dai residui gassosi negli stessi ancora presenti, da parte di Impresa specializzata, consiste in un’attività di gestione di rifiuti ai sensi del Dlgs. n. 152/2006, art. 183, comma 1, lett. n), richiedente specifica autorizzazione, diversa e ulteriore rispetto a quella relativa alla mera raccolta di rifiuti. 


Related Articles

Processo tributario: il Giudice deve esaminare la pretesa tributaria nel merito anche se ritiene fondato solo in parte il ricorso

Nella Sentenza n. 11232 del 29 maggio 2015, la Corte di Cassazione rileva che il giudizio tributario non si connota

Illecito conferimento di incarico dirigenziale a soggetto privo dei requisiti di professionalità: condanna di un Amministratore provinciale

Corte dei conti – Sezione Terza Giurisdizionale Centrale d’Appello – Sentenza n. 171 del 12 ottobre 2020 Oggetto:  Condanna di

Notifica: in alcuni casi è legittima presso la casa comunale

  Nella Sentenza n. 8114 del 21 aprile 2015 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità hanno affermato che,

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.