Tari: confermato al 30 giugno il termine di presentazione della Dichiarazione

Tari: confermato al 30 giugno il termine di presentazione della Dichiarazione

È stata pubblicata sul sito web istituzionale del Mef – Dipartimento Finanze, la Risoluzione 6 agosto 2019 n. 2/DF, rubricata “Termini per la presentazione della Dichiarazione dell’Imposta municipale propria (Imu) e della tassa per i servizi indivisibili (Tasi) – Art. 3-ter del Dl. 30 aprile 2019 n. 34, convertito con modificazioni dalla Legge di conversione 28 giugno 2019, n. 58 – Quesito”.

Con la presente Risoluzione, il Ministero mira fornire chiarimenti in merito ai termini di presentazione delle dichiarazioni ai fini Iuc, alla luce delle modifiche disposte dall’art. 3-ter, del Dl. n. 34/2019, il quale ha posticipato il termine dal 30 giugno al 31 dicembre dell’anno successivo a quello di riferimento per la presentazione delle dichiarazioni Imu/Tasi.

Viene chiesto al Mef se tale modifica rileva anche ai fini Tari, posto che il comma in parola riguarda l’Imposta unica comunale (Iuc) che racchiude, oltre all’Imu e alla Tasi, anche la Tari

A parere del Mef, da una lettura sistematica delle norme appena richiamate emerge che la modifica dei termini di presentazione della dichiarazione riguarda esclusivamente l’Imu e la Tasi e non anche la Tari.

Se da un lato quanto osservato nel quesito presenta un suo fondamento, poiché l’art. 3-ter incide sull’art. 1, comma 684, della Legge n. 147/2013, che contempla la dichiarazione Iuc e quindi anche la dichiarazione Tari, dall’altro, secondo il Mef, la volontà del Legislatore di voler incidere solamente sui termini della dichiarazione Imu/Tasi si evince dalla rubrica dello stesso art. 3-ter, laddove si riferisce espressamente ai “Termini per la presentazione delle dichiarazioni relative all’imposta municipale propria e al tributo per i servizi indivisibili”, ed anche nel testo della norma, quando dispone esclusivamente solo per l’Imu e per la Tasi lo slittamento del termine di presentazione della dichiarazione dal 30 giugno al 31 dicembre.

Per cui, in conclusione, il Ministero ritiene che il termine di presentazione della dichiarazione Tari rimanga al 30 giugno o al diverso termine stabilito dal Comune nell’ambito dell’esercizio della propria potestà regolamentare ex art. 52, del Dlgs. n. 446/1997, mentre solo le dichiarazioni relative all’Imu e alla Tasi debbano essere presentate entro il nuovo termine del 31 dicembre dell’anno successivo a quello in cui è sorto il presupposto impositivo.


Related Articles

Validità dell’offerta: legittima l’assegnazione di un termine perentorio per il rinnovo dell’offerta trascorsi 180 giorni dalla presentazione

Nella Delibera n. 125 del 12 febbraio 2020 dell’Anac, una Società, in qualità di mandataria di un costituendo Rti, ha

Edilizia scolastica: al via i finanziamenti a tasso agevolato del “Fondo Kyoto” per l’efficientamento energetico nelle scuole

  E’ aperta dal 25 giugno 2015 la possibilità per gli Enti Locali di contrarre dei mutui a tasso agevolato

Tributi locali: adottato dal Mef l’aggiornamento della stima delle capacità fiscali dei Comuni

E’ stato reso noto sul sito web del Dipartimento delle finanze il Decreto Mef 13 maggio 2016, in attesa di

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.